L’Asst Valle Olona cerca i “gestori dei pazienti cronici”

Si tratta di una figura centrale individuata dalla Riforma della Sanità e che si fa carico dei pazienti fragili e cronici facendo da tramite tra ospedale e territorio

badante

L’Asst Valle Olona ha pubblicato un bando per cercare “I gestori dei pazienti cronici”.

Rispondendo alle indicazioni della Riforma della sanità lombarda, la direzione aziendale di Busto Arsizio ha dato il via alla procedura per l’identificazione di quanti saranno chiamati a farsi carico dei pazienti fragili e cronici, fungendo da punto di raccordo tra l’ospedale di riferimento e il territorio: « In questa logica – sottolinea il direttore generale Giuseppe Brazzoli – l’Asst Valle Olona si sta muovendo secondo le indicazioni regionali e dell’Ats, il tutto nella consapevolezza che la presa in carico del soggetto con fragilità e/o con patologie croniche ha assunto un ruolo prioritario nella programmazione degli interventi sociosanitari, in virtù delle caratteristiche cliniche, psicologiche e sociali di tali soggetti».

Potranno presentare la propria candidatura:

1) Medici di Medicina Generale (MMG) e ai Pediatri di Libera Scelta (PLS), i quali possono collaborare con la Asst Valle Olona nel ruolo di co-gestori dei pazienti cronici di 1°, di 2° e di 3° livello nella presa in carico, anche tramite redazione del Piano Assistenziale Individuale e del patto di cura

2) Soggetti erogatori accreditati contrattualizzati e non contrattualizzati, i quali si possono proporre per la gestione finalizzata alla presa in carico del paziente cronico, attraverso apposito contratto di convenzionamento o avvalimento con l’Asst Valle Olona, quest’ultima in qualità di ente gestore

3) Soggetti che intendono candidarsi a gestori ed avvalersi dell’Asst della Valle Olona, quest’ultima in qualità di erogatore di servizi/prestazioni sanitarie e sociosanitarie

La nuova figura del gestore sarà chiamata a coordinare, semplificare, ottimizzare, facilitare le diverse fasi del percorso di cura, controllarne la compliance e gli esiti, garantendo la successione coordinata e ininterrotta di eventi coerenti con i bisogni dei pazienti e presidiando la comunicazione tra i diversi nodi della rete per conseguire l’integrazione dei percorsi assistenziali, dall’ambito specialistico delle strutture ospedaliere al contesto delle cure primarie.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 13 luglio 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore