Ciclista investito a Oltrona al Lago: è morto

L’uomo, di 66 anni, è stato travolto da un’auto all’altezza del supermercato alle 12.49 sulla strada provinciale del lago

varie

Un ciclista è stato investito a Gavirate, in località Oltrona al Lago, e ha perso la vita. È successo alle 12.49 di martedì 5 settembre lungo la strada provinciale del lago all’altezza del supermercato quando è stato travolto.

L’uomo di 66 anni si chiamava Gianfranco Morandi ed era originario di Uboldo. Immediati i soccorsi: sul posto i sanitari del 118 con l’ambulanza e l’automedica e i vigili del fuoco al lavoro per liberare il ciclista dalle lamiere. Per lui non c’è stato nulla da fare. A rilevare l’incidente gli uomini della polizia locale di Gavirate.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 05 settembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gianluca Ribolzi

    Continuo a chiedermi cosa ci facciano dei ciclisti su una strada costeggiata da una pista ciclabile…..per carità…povero cristo…ma a 65 anni non penso si stesse allenando per il Giro d’Italia….la passeggiata in bicicletta puoi farla anche al sicuro sulla pista…tantopiù che le bici da corsa non sono in regola per circolare su strada perchè tutte prive di luci, specchietto, ecc…
    Mi spiace per il povero signore ma spero che in futuro si possano evitare certi incidenti usando la pista…

    1. Scritto da peppe_cimo

      Mettiamo anche un motore e facciamo il ciao che dici…..
      Se parli in questo modo é xké non sai che ci sono allenamenti che non puoi fare sulla ciclabile.
      Ma ribadisco il fatto che spesso il CODICE DELLA STRADA NON LO RISPETTIAMO COME NON RISPETTIAMO I LIMITI DI VELOCITÀ.
      Però poi ci lamentiamo quando vediamo i ciclisti sulla strada.

Segnala Errore