Una borsa di studio per ricordare Sandra Barresi archivista della Cgil

Il bando avrà cadenza biennale e prevede una borsa di studio di 5000 euro dedicata al riordino del fondo della Camera del lavoro di Varese conservato presso l’Archivio di Stato di Varese

L'archivio della Cgil

Per  ricordare la figura di Sandra Barresi, prematuramente scomparsa nel 2015 e responsabile dell’archivio storico della Cgil di Varese e dare seguito alla sua eredità intellettuale, la Camera del Lavoro di Varese ha indetto un bando a cadenza biennale, che prevede una borsa di studio dedicata al riordino di un fondo della Cgil di Varese conservato presso l’Archivio di Stato di Varese. (nella foto, da sinistra Umberto Colombo, segretario della Cgil, e Claudio Critelli, direttore dell’Archivio di Stato)

Possono partecipare al bando tutti i laureati in Scienze storiche o materie umanistiche sotto i 35 anni, purché abbiano sostenuto un esame in archivistica presso l’Università, oppure si siano diplomati o stiano frequentando la scuola dell’Archivio di Stato. L’importo delle borse di studio è pari a 5.000 euro, al lordo delle ritenute di legge e degli oneri a carico dell’ente.

Il vincitore parteciperà al corso base di formazione sindacale di tre giornate e alla giornata formativa sull’utilizzo del software per l’archiviazione “archimista”. La premiazione avverrà nel mese di febbraio 2018 e la scadenza per la partecipazione del bando è fissata entro il 15 dicembre 2017. Chi intende partecipare al bando dovrà produrre e inviare la documentazione richiesta all’Archivio del lavoro ubicato in via Breda 56, 20099 Sesto San Giovanni, in quanto la Camera del Lavoro di Milano ha avviato un bando analogo finalizzato al riordino di un fondo della Cgil di Milano.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 ottobre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore