Sindaco e giunta festeggiano l’anno magico della Pro Patria

Squadra e dirigenza ricevute in sala consiglio per promozione e scudetto della serie D. Testa: "Non lascio la Pro in mano a chi non la ama". Antonelli: "A settembre nuovo campo di allenamento"

premiazione pro patria sala consiglio busto arsizio 2018

La Pro Patria è stata festeggiata questa mattina, lunedì, dall’amministrazione comunale in sala consiglio Angioletto Castiglioni. La presidente Patrizia Testa, il socio Nazareno Tiburzi, i giocatori Zaro, Scuderi e Mangano (l’ossatura della difesa), il team manager Gonnella, il presidente onorario Alberto Armiraglio e altri esponenti dello storico club hanno incontrato il sindaco Emanuele Antonelli, l’assessore allo Sport Gigi Farioli e le colleghe Arabini, Tovaglieri e Magugliani. Non sono mancati i tifosi del Pro Patria Club, ex-ultras e alcuni storici supporter dei settori Popolari coperti e della tribuna.

Due i motivi per festeggiare questa squadra: la promozione diretta in serie C, e quindi il ritorno nel calcio professionistico, e la vittoria dello scudetto della serie D, conquistato con l’ultima importantissima vittoria contro la Vibonese per 2-1 lo scorso 2 giugno.

A fare da maestro di cerimonia un Gigi Farioli in versione tifoso numero uno che ha ricordato come si è arrivati a questo importante risultato dopo gli anni difficili che ha vissuto in prima persona da sindaco, dal sogno della serie B al fallimento, fino alla rinascita e alle difficoltà prima che arrivasse Patrizia Testa: «Una grande donna, una grande concittadina, innamorata di questa squadra alla quale va il nostro ringraziamento».

Il sindaco Antonelli, dopo i ringraziamenti rituali, ha parlato di cose concrete come il famoso campo di allenamento che, ha detto, «verrà realizzato a settembre e questa volta non sarà solo una promessa». Più difficile, invece, portare nuove risorse economiche alla società: «Non possiamo costringere agli imprenditori di impegnarsi, non possiamo ricattarli ma – prosegue Antonelli – possiamo parlare bene di questa società, della sua importanza per Busto Arsizio e della serietà con cui Patrizia Testa e Nazareno Tiburzi stanno lavorando».

premiazione pro patria sala consiglio busto arsizio 2018

Patrizia Testa ha annunciato che un gruppo imprenditoriale ha provato ad avvicinarsi dalle parti di via cà Bianca ma «non ho ricevuto da loro le rassicurazioni che avrei voluto per il futuro della società quindi, piuttosto che darla in mani sbagliate, credo che rimarrò al timone ancora un anno e poi si vedrà». Buone notizie, invece, sul fronte sponsor: «Il ritorno nel calcio professionistico ha attirato nuovi sponsor» – ha detto la presidente.

Belle parole per lei sono arrivate anche dal senatore e sindaco emerito Gian Pietro Rossi che ha elogiato la proprietà e il modello Pro Patria. Gran finale con foto di gruppo in sala Castiglioni per tutto il gruppo di tifosi, giocatori, dirigenti e amministratori con la convinzione che il megli debba ancora venire, a partire dalla prossima difficile ed esaltante stagione nell’anno del centenario.

di orlando.mastrillo@varesenews.it
Pubblicato il 04 giugno 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore