Un morto e due feriti, giornata nera per i cercatori di funghi

Un uomo è morto in Svizzera cadendo per 200 metri, un altro è stato trovato senza sensi in un fiume a Curiglia con Monteviasco e un terzo è rimasto bloccato al Pradecolo di Dumenza

I soccorsi dei fungiatt

È stata una giornata particolarmente sfortunata per i cercatori di funghi. Il bottino da portare a casa non c’entra, c’entrano i numerosi infortuni che si sono verificati sulle montagne che hanno avuto il bilancio di un morto e due feriti.

Galleria fotografica

I soccorsi dei fungiatt 4 di 7

Il primo incidente è stato al Pradecolo di Dumenza. Alle 12 è scattato l’allarme con un uomo di 74 anni che è rimasto bloccato in un luogo impervio. Per salvarlo sono dovuti intervenire gli uomini del Soccorso Alpini e Speleologico, un elicottero del 118 da Como e una squadra dei Vigili del Fuoco. L’anziano fungiatt è stato individuato anche grazie alle segnalazioni acustiche date con un fischietto e, una volta portato in una zona comoda per l’atterraggio, è stato trasportato in ospedale in codice giallo. (LEGGI QUI)

Poco dopo l’allarme per un infortunio in montagna è scattato in Svizzera. In quel caso la Polizia Cantonale spiega che un 72enne svizzero domiciliato nel canton Argovia nella zona del Passo di Lucendro è rimasto vittima di una caduta dal sentiero ed è precipitato per circa 200 metri. Sul posto sono intervenuti i soccorritori della Rega che non hanno potuto far altro che constatarne la morte e recuperare la salma, poi trasportata ad Airolo.

Alle 15.30, invece, da Curiglia con Monteviasco è partita una chiamata al 112: un cercatore di funghi di 63 anni che faceva parte di una comitiva di quattro persone non è rientrato al punto di partenza e quindi gli amici hanno lanciato l’allarme. Immediatamente sul posto si è recata una squadra dal distaccamento di Luino congiuntamente agli specialisti del S.A.F. (Speleo Alpino Fluviale) e agli aerosoccorritori del reparto volo Lombardia. L’equipaggio del “Drago 80” ha individuato la persona nel greto del torrente Viaschina priva di sensi, sul posto ha quindi vericellato due operatori che hanno prestato le prime cure. Sono state fornite le coordinate GPS al l’elicottero del soccorso sanitario che ha vericellato a sua volta il personale sanitario. La persona è stata tratta e porta in ospedale in codice rosso.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 settembre 2018
Leggi i commenti

Galleria fotografica

I soccorsi dei fungiatt 4 di 7

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore