Biblioteca gremita per Moni Ovadia ad Angera

Lo scrittore ebreo-bulgaro-milanese ha inaugurato la rassegna “Di libro in libro”, dedicata alla cultura, alla riflessione e al piacere della lettura

Generico 2018

Biblioteca gremita per Moni Ovadia. L’artista e scrittore ha inaugurato venerdì sera ad Angera la rassegna “Di libro in libro”, dedicata alla cultura, alla riflessione e al piacere della lettura.

Partendo dalla presentazione del libro “Il coniglio Hitler e il cilindro del demagogo” (La nave di Teseo), Ovadia ha ripercorso diverse pagine della storia segnate da persecuzioni e genocidi. Un’occasione per riflettere sulla società attuale, sulla capacità di critica e sull’importanza di perseguire la pace e l’uguaglianza.

L’incontro, che ha spaziato dall’attualità alla politica internazionale, dal ruolo della memoria ai valori della democrazia, è stato coinvolgente ed emozionante. Con il suo stile a volte ironico a volte severo, l’artista ha ricordato l’importanza della verità, anche quando è riferita al male, in una società che sembra aver perso la capacità di distinguere tra verità e menzogna. In chiusura un messaggio rivolto a giovani, affinché siano protagonisti e sentinelle del risveglio delle coscienze e autori di un vero cambiamento.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 20 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore