“Il Pd di Samarate cerca aiuto nei Comuni vicini”

Il consigliere cardanese Dozio era intervenuto nel dibattito della vicina Samarate, sul tema dell'illuminazione pubblica. La Lega attacca anche il Pd samaratese

lampione acceso schiranna

Continua a far discutere la presa di posizione del consigliere comunale Pd di Cardano al Campo Stefano Dozio, che rispondendo alla Lega Nord cardanese sul progetto di illuminazione pubblica aveva sottolineato anche il differente stato di avanzamento dei lavori a Cardano e Samarate. Riceviamo e pubblichiamo la replica della Lega di Samarate

 

Semplicemente irrispettose, inaccettabili e fuori luogo le dichiarazioni del consigliere PD di Cardano al Campo Dozio, che si permette di fare campagna elettorale paragonando il loro paese con il nostro, per quanto riguarda l’illuminazione pubblica.
Crediamo che il consigliere di Cardano dovrebbe pensare un po’ di più al proprio paese piuttosto che a quelli limitrofi, dato che ci risulta che la loro amministrazione targata PD non sia priva di pecche e che i cittadini di Cardano non siano proprio così soddisfatti del loro lavoro, tanto che se si volesse si potrebbe parlare per ore delle loro mancanze con il supporto dei cittadini stessi.

Ma noi al contrario del PD, che evidentemente non sa più come farsi pubblicità, non vogliamo e non ci interessa farci gli affari degli altri perché lo troviamo scorretto e irrispettoso in primis verso i nostri cittadini e poi verso i cittadini di Cardano.
Ci sembra doveroso puntualizzare, però, come il PD di Samarate abbia bisogno del supporto dei colleghi di Cardano per poter soffiare sul fuoco della polemica, evidentemente la loro perdita di appeal verso i cittadini di Samarate richiede l’aiuto dei colleghi di altri comuni.
Per quanto riguarda la polemica sull’illuminazione cittadina, del consigliere Ferrazzi e del PD samaratese, siamo all’ennesima dimostrazione della mancanza di argomenti, infatti a parte soffermarsi sull’accusa che la città è buia non leggiamo nel suo comunicato una proposta seria per risolvere il problema. Fare polemica senza proporre soluzioni lo possono fare tutti, ed il PD di Samarate ci ha ormai tristemente abituato a questo modo di fare. Per di più non dice che la polemica è stata fatta dopo che il consigliere si è presentato in commissione, ha sentito quello che ha voluto, e ha deliberatamente omesso che l’amministrazione si era già impegnata a risolvere la questione dei punti luci.

Ma scendiamo nel dettaglio per capire meglio. A Samarate ci sono circa 2300 punti luce, la maggior parte dei quali di proprietà di Enel sole e non del comune. Per sostituire le lampade che non funzionano bisogna far richiesta ad Enel sole che vende le lampade al comune di Samarate, le quali poi vengono sostituite.
Sappiamo bene il disagio che la cittadinanza sta passando e la Lega in primis ha chiesto al Sindaco e agli assessori di trovare una soluzione ed i fondi necessari per risolvere il problema.
Stiamo parlando di 40 punti luce non funzionanti in totale.
Inoltre, ricordiamo che le lampade che devono essere sostituite sono difficilmente reperibili in quanto Enel sole stessa ci ha informato che sono fuori commercio.
Aggiungiamo inoltre che se la stessa Enel sole non avesse fatto ricorso al bando Lumen di regione Lombardia (insieme ai problemi del comune di Lonate in quanto commissariato), probabilmente a quest’ora l’amministrazione avrebbe già sostituito l’illuminazione vecchia ed obsoleta, con una nuova a led più funzionale.

Ma tutto questo il consigliere Ferrazzi ed il PD se ne sono guardati bene dal spiegarlo ai cittadini.
Infine, rimarchiamo che il consigliere Ferrazzi in commissione si è opposto addirittura alla partecipazione dell’amministrazione al bando Consip (simile al bando Lumen), che prevede l’acquisto di tutti i pali della luce sul territorio comunale e l’ammodernamento dell’illuminazione, perché sul lungo periodo (9 anni) il costo sarebbe stato elevato. Tuttavia, smarcandosi dai suoi colleghi di partito presenti in commissione ha proposto paradossalmente l’acquisto e l’ammodernamento di tutto l’impianto in un’unica soluzione, con una spesa di più di un milione di euro. Risulta evidente a chiunque che acquistare tutto l’impianto usufruendo di un bando nazionale e/o regionale e potendo pagare in maniera dilazionata sarebbe l’opzione migliore per le casse comunali. Evidentemente per il consigliere Ferrazzi ed il PD samaratese no.

Come al solito il PD samaratese ci sembra confuso e pretestuoso e dipinge un quadro della situazione che è completamente lontano dalla realtà.
I cittadini di Samarate sono molto più attenti di quello che pensa il PD e meritano più rispetto da chi ha bisogno dell’aiuto del PD di Cardano per organizzare false polemiche e attacchi strumentali.
Lega Nord Samarate

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 01 ottobre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore