Correrà la maratona di New York vestito da snowboarder

La nuova impresa di Bonicalzi: sarà la prima tappa della raccolta fondi che il corridore di Gallarate ha scelto di avviare per Save The Children Us che lo ha accolto nel suo team

bruno bonicalzi

Lo avevamo lasciato a Canberra appena dopo aver compiuto l’impresa da Guinness World Record delle 7 maratone in 7 continenti in 365 giorni e ora, Bruno Bonicalzi, 40enne di Gallarate, lo ritroviamo in partenza per New York per una nuova “folle” avventura: correrà la maratona di New York vestito da snowboarder.

Proprio così: 42 chilometri e 195 metri di corsa con scarponi regolamentari, maschera, guanti, casco e, naturalmente, la tavola da snowboard con l’intento di battere il record del mondo di Matt Harper-Ward che il 24 aprile del 2016 percorse la maratona di Londra in 5 ore 46 minuti e 37 secondi.

Questo è il tempo che vuole superare Bonicalzi domenica 4 novembre quando si correrà la maratona di New York. Un’idea tanto folle quanto generosa perché quella di New York sarà la prima tappa della raccolta fondi che il corridore di Gallarate ha scelto di avviare per Save The Children Us che lo ha accolto nel suo team.

Bonicalzi, dunque, correrà per beneficenza le 6 maggiori maratone del mondo cercando di battere in ognuna un record del mondo: «il primo sarà quello dello snowboarder ma sto già pensando a quali saranno i prossimi – racconta Bonicalzi in partenza per New York -. Intanto mi concentro sulla maratona di domenica e sulla cerimonia inaugurale di venerdì sera».

Bonicalzi partirà dal via insieme a tantissimi connazionali. Infatti, l’Italia sarà la nazione più rappresentata con ben 3165 iscritti. Il numero del 2018 incrementa di circa 200 unità il dato dello scorso anno.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 01 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore