La Corale Arnatese celebra i suoi 90 anni con un grande concerto

Nata nel 1928 dal coro parrocchiale, oggi è articolata su quattro diverse formazioni. Sabato 1 dicembre il grande concerto al Condominio, con tutte le formazioni, due pianoforti, percussioni e solisti

corale arnatese 2014

La Corale Arnatese di Gallarate festeggia 90 anni di attività e lo fa con un grande concerto offerto alla città.

Il concerto è in programma sabato 1° dicembre alle 21 al Teatro Condominio di Gallarate.

«Quest’anno abbiamo riunito per l’evento i quattro diversi cori della Corale Arnatese» spiega il presidente Gianfranco Fratipietro. «Per i 90 anni abbiamo scelto di proporre insieme i Carmina Burana, con due pianoforti, percussioni e tre solisti, il soprano Chierichetti, il tenore Botta e il baritono Checchi». E ovviamente i quattro cori: quello lirico, quello delle voci bianche, il coro Musica et ludus, la formazione giovanile Eufonè, nata recentemente. In totale 88 elementi sul palco del Teatro Condominio di Gallarate.

Il coro nacque il 13 novembre 1928, «da una “scissione”, per così dire, dal coro parrocchiale: un gruppo di appassionati di lirica lo costituirono come realtà autonoma». Per tanti anni la formazione ha avuto la sua sede in via Checchi, poi negli anni Novanta si sono trasferiti nell’ex asilo del quartiere, in via Marco Polo, che oggi ospita le sedi di diverse associazioni.
Nel tempo al coro primigenio si sono aggiunte le altre formazioni: prima nel 1993 le Voci Bianche, poi il coro Musica et Ludus, infine nel 2017 il coro Eufonè. Oggi il coro lirico è diretto dal maestro Romano Longoni, gli altri tre cori da Monica Balabio, mentre al piano ci si alternano il maestro Mingardi, Luca Orioli, Elena Fratipietro.

Tra i tanti concerti proposti dal coro ci sono stati il Requiem di Verdi in Basilica con maestro Parodi, nel 2015, l’esibizione alla Casa di Riposo Verdi a Milano, il concerto verdiano a Villa Caproni e l’Elisir d’amore di Donizetti nel 2017, ma anche i brani verdiani portati nello scenario insolito delle corti del centro. Il coro Musica et Ludus ha invece proposto nel tempo musiche di Vivaldi, i brani classici del repertorio natalizio, ma anche un musical originale, “Da Gallarate a Manhattan”. Il Coro Voci Bianche ha nel suo repertorio alcune operette (come il Pollicino che nel 2016 è stato portato al Parco Taino).

E gli appuntamenti futuri? «Stiamo lavorando allo Stabat Mater di Rossini» anticipa Fratipietro, insieme al Maestro Longoni. Al 27 gennaio per la Giornata della Memoria il Coro Voci Bianche porterà invece in scena, con l’istituto musicale di Sesto Calende, il Brundibar, un’opera scritta in un campo di concentramento.

«Si fanno progetti per far crescere le capacità di chi canta, in tutti i cori» conclude Fratipietro. E le audizioni sempre sempre aperte. Il coro lirico si ritrova nella sede di via Marco Polo al lunedì, il Musica et ludus al martedì, il coro Eufonè al giovedì, sabato pomeriggio è infine riservato, dalle 17.30, al Coro Voci Bianche.

di roberto.morandi@varesenews.it
Pubblicato il 27 novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore