Tutto il centrodestra a sostegno di Fabiana Ermoni

L'attuale capogruppo dell'opposizione è la candidata sindaco di Progetto per Gorla + viva con il sostegno di Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia

fabiana ermoni candidata sindaco gorla minore 2019

Sergio Caldiroli di Progetto per Gorla, Angelo Colombo e Matteo Landoni della Lega, Maurizio Pacchioni di Fratelli d’Italia e Rossano Belloni di Forza Italia danno il loro imprimatur alla candidatura a sindaco di Fabiana Ermoni, attualmente capogruppo dell’opposizione in conglio comunale. Con il loro sostegno e quello delle relative forze politiche nasce la lista Progetto per Gorla + Viva che mette insieme le due liste civiche che cinque anni fa si sono presentate separate.

«Come opposizione in questi ultimi 3 anni abbiamo lavorato insieme e collaborato per creare una sola squadra che si ponesse come alternativa a questa amministrazione di sinistra. A poco meno di 1 anno dalle prossime elezioni comunali, siamo arrivati ad una sintesi ed abbiamo scelto la persona che rappresenterà tutto il centro destra nella prossima primavera»

Fabiana ermoni, classe 1981, gorlese dalla nascita, laureata in Economia Aziendale, impiegata nell’area controller di gestione ICT presso la società che gestisce gli aeroporti di Milano ed attuale capogruppo della Lista Civica “Progetto per Gorla Viva”, la candidata alla carica di Sindaco per Gorla Minore,«è una persona che si è spesa spesso per il nostro territorio, sia nelle sue private scelte di volontariato, sia con impegni nell’ambito civico.
Puntiamo su una donna, giovane ma non inesperta, portata all’ascolto delle persone e sensibile ai maggiori temi che riguardano famiglia, sicurezza, solidarietà ed ambiente».

Secondo il centrodestra a Gorla Minore serve un rinnovamento «per capire e supportare le trasformazioni della società, per confrontarsi e strutturarsi come le città d’Europa e per affrontare le nuove esigenze dei cittadini che sono in continuo crescendo nella ricerca di servizi ed opportunità. Il tutto senza tradire le nostre radici e valorizzando le nostre tradizioni. Serve rendere il nostro territorio attrattivo offrendo modernità, cultura, sicurezza e tutte quelle attività che rispondono alle neonate necessità».

L’obiettivo, dopo un lungo periodo di amministrazioni della stessa estrazione anche partitica, «è quindi quello di migliorare la qualità della vita delle persone e rivalutare, per quanto possibile, un territorio ormai devastato da scelte non propriamente finalizzate al benessere e all’attenzione che il nostro paese richiedeva e soprattutto meritava».
A breve la presentazione del programma «che – concludono i referenti delle diverse forze che la sostengono – , punta innanzitutto all’efficienza e alla qualità dei servizi, nonché alla manutenzione ordinaria del paese, ossia ciò per cui pagano i contribuenti, ma non mancheranno chicche e novità».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 11 febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore