In Piazza Monte Grappa per ricordare le vittime delle foibe

Quasi 150 persone si sono trovate domenica sera, 10 febbraio, a Varese per celebrare il Giorno del Ricordo. Bandiere tricolore e fiaccole nel corteo lunghe le vie del centro

Giorno del Ricordo 2019

Quasi 150 persone si sono trovate domenica sera, 10 febbraio, a Varese per celebrare il Giorno del Ricordo. Partite dalla piazza della stazione intorno alle 20, hanno sfilato impugnando bandiere tricolore. Arrivate in piazza Monte Grappa hanno mostrato uno striscione con la scritta “Morte e orrore perché all’Italia hai dato il cuore” ed hanno osservato un minuto di silenzio in ricordo delle vittime delle foibe.

Galleria fotografica

Giorno del Ricordo 2019 4 di 8

Il 10 febbraio si celebra il Giorno del Ricordo, istituito  nel 2004 per ricordare la tragedia delle foibe e dell’esodo degli italiani da Istria, da Fiume e dalla Dalmazia. Una pagina dolorosa della nostra storia che in questi giorni è stata ricordata con numerose iniziative in tutta la provincia. «Siamo un corteo tricolore – ha detto il portavoce del gruppo che raccoglieva esponenti della Comunità militante dei Dodici raggi, CasaPound Italia Varese, Forza Nuova Varese e Fiamma tricolore, ma anche qualche rappresentanti delle istituzioni  – Siamo qui per tutti i martiri delle foibe, i martiri di una tragedia che non vogliamo dimenticare».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 10 febbraio 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Giorno del Ricordo 2019 4 di 8

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco Rizzioli

    Ancora una volta si cerca la rivincita speculando sulla disgrazia dei cittadini vittime delle ideologie.

Segnala Errore