Il premio Chiara 2019 è nel segno della gentilezza

A villa Recalcati lanciate ufficialmente le nuove edizioni del Premio Chiara, del Premio Chiara Giovani, del Premio Chiara Inediti, del Premio fotografico Riccardo Prina, del Concorso di videomaking

Premio Chiara 2019, la presentazione dei bandi

Sono stati pubblicati i nuovi bandi di concorso per il premio Chiara 2019.

In un incontro pubblico a villa Recalcati, venerdì 15 sono state “lanciate” ufficialmente le nuove edizioni del Premio Chiara, del Premio Chiara Giovani, del Premio Chiara Inediti, del Premio fotografico Riccardo Prina, del Concorso di videomaking, nonché dei seminari in programma per l’autunno prossimo.

A presentare le novità il presidente della associazione amici di Piero Chiara Romano Oldrini e il  direttore artistico del Festival Bambi Lazzati, anime da ormai decenni della manifestazione.

Il premio Chiara, come è noto, si rivolge a raccolte di racconti edite in Italia e nella Svizzera Italiana, scritte in lingua italiana e nel periodo compreso tra il 1º maggio dell’anno antecedente ed il 30 aprile dell’anno di iscrizione alla competizione. I 3 finalisti vengono selezionati da una giuria di critici, mentre il vincitore tra loro viene eletto con un voto espresso dai 150 giurati che compongono la cosiddetta “giuria dei lettori”.

Importante ormai da tempo anche il premio legato agli inediti, che premia con una giuria specifica raccolte di racconti inediti, e il chiara Giovani, che si rivolge ai ragazzi tra i 15 e i 25 anni d’età, ai quali viene richiesta la composizione di un racconto breve a partire da una traccia prestabilita, che quest’anno è “Il potere della gentilezza”.

Un argomento importante e molto d’attualità, che ha raccolto consensi tra partner e istituzioni: dall’assessore del comune di Varese alle politiche giovanili Francesca Strazzi, alla rappresentante di Regione Lombardia Francesca Brianza, dal preside del Crespi di Busto Arsizio Cristina Boracchi a quello del Cairoli di Varese Consolo.

DALLA MOLDAVIA AL PANICO DA PAGINA BIANCA, SVELATI I PRIMI EVENTI E SEMINARI

Il Premio Chiara, da alcuni anni, è solo una parte della galassia di eventi legati al festival del Racconto, che si dipanano per tutto l’anno.

Tra i primi ad essere presentati, un evento particolare, nato dalla collaborazione con l’associazione Italia-Moldavia: la presentazione dell’ultimo libro di Nicolae Dabija, “Compito Per Domani”, che si terrà l’11 aprile prossimo alla sala Triacca di Azzate.

Nicolae Dabija in Italia è pressoché sconosciuto, ma in Moldavia è una icona vivente, e secondo alcuni sondaggi questo romanzo, tradotto in diverse lingue, è il libro più letto degli ultimi 50 anni nel suo paese d’origine. A presentarlo, sarà il giornalista e scrittore Cesare Chiericati.

Da segnalare anche la mostra fotografica che avrà avvio al maGa a partire dal 23 marzo prossimo, dal titolo “Due Parallele”: a esporre ci sarà Karina Bikbulatova, premio Riccardo Prina 2018, in una esposizione a cura di Mauro Gervasini che racconta le vite parallele, che si incontrano una volta all’anno di due sorelle che non sanno di esserlo.

Nell’ambito del premio Riccardo Prina anche l’incontro del 5 ottobre prossimo con la grande fotografa palermitana Letizia Battaglia, notissima per le sue foto ad alto contenuto sociale, che sarà presentata da Matteo Balduzzi in un incontro alla Triennale di Milano, che quest’anno ospiterà i finalisti del premio Riccardo Prina 2019.

Due i seminari organizzati dal festival del racconto. Il primo è una assoluta novità: si tratta infatti di un seminario Teatro, che il Festival organizza per la prima volta. Protagonista sarà Andrea Chiodi, direttore della parte prosa del Lac di Lugano e del teatro di Varese, che affronterà lo spettacolo “Dal testo alla messa in scena teatrale

Il seminario si scrittura sarà con Giacomo Papi, scrittore, autore di testi per Daria Bignardi e Fabio Fazio, collaboratore a repubblica e Il Venerdì, direttore della scuola di scritture Belleville. Il suo seminario affronta un problema comune a tutti coloro che scrivono: “Le prime parole: come combattere la paura della pagina bianca”

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 15 febbraio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore