Abusi su minori, pena ridotta per Domenico Piccolomo

L'uomo condannato in primo grado con rito abbreviato per tre distinti episodi, uno dei quali prescritto

repertorio tribunale varese

«Questa pena è troppo alta»: l’avvocato Giovanni Caliendo più volte, commentando la condanna in primo grado del suo assistito, Domenico Piccolomo, si era espresso in questa direzione. In più c’era anche un altro punto su cui il legale voleva che il giudice di secondo grado facesse chiarezza: un reato consumato molto tempo fa, che aveva superato il termine della prescrizione.

Così la prima sezione della Corte d’Appello di Milano sembra aver ascoltato le richieste della difesa ed ha ridotto la pena a Piccolomo jr (fratello del killer delle mani mozzate) da 16 a 11 anni, con l’esclusione tra gli episodi contestati, del caso della ragazza oggi ventinovenne ma ai tempi delle contestazioni di soli 16 anni: è passato troppo tempo ed è pertanto sopravvenuta la prescrizione.

La decisione dei giudici milanesi ha invece mantenuto le accuse sulle altre due parti offese, anch’esse di 16 anni ai tempi delle presunte molestie, per le quali l’uomo venne arrestato lo scorso anno.

I difensori delle vittime, gli avvocati Sisti e Artoni di varese ricorreranno in Cassazione.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore