La Cassazione conferma la pena a Domenico Piccolomo

Sconterà 11 anni. Un caso di violenza su minori che colpì fortemente l’opinione pubblica

Avarie

Dopo l’arresto ci fu l’appello pubblico rivolto da una vittima di quell’uomo: «Ragazze, non abbiate paura, denunciate».

Ora quella vicenda, che ha visto imputato Domenico Piccolomo, – fratello minore di quel Piccolomo, Giuseppe, il killer delle mani mozzate (omicidio per il quale sta pagando con l’ergastolo ce di cui solo qualche giorno fa è corso il decennale) – è arrivata alla fine dell’iter processuale, con la pronuncia della sentenza di Cassazione che ha confermato la pena pronunciata dalla Corte d’Appello di Milano.

I giudici di secondo grado avevano ridotto la pena per violenza sessuale su minore pronunciata dai colleghi di Varese passata dai 16 anni di reclusione nel settembre 2018 a 11.

La decisione dell’Appello escluse, tra gli episodi contestati, il caso della ragazza oggi ventinovenne ma ai tempi delle contestazioni di soli 16 anni: è passato troppo tempo ed è pertanto sopravvenuta la prescrizione.

La decisione dei giudici milanesi – confermata ieri dalla Cassazione – ha invece mantenuto le accuse sulle altre due parti offese, anch’esse di 16 anni ai tempi delle presunte molestie, per le quali l’uomo venne arrestato nell’inverno 2018.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore