Il Blockchain spiegato alle imprese

L’iniziativa è promossa dal Punto Impresa Digitale della Camera di Commercio con Innexta Consorzio Camerale Credito e Finanza

Avarie

È una tecnologia che compie dieci anni e che, collegata finora soprattutto ai Bitcoin, offre invece anche molte interessanti opportunità per l’attività d’impresa. Tutte da scoprire.  Ecco perché si parlerà di “Blockchain: Quale Utilità per le Imprese” mercoledì 27 marzo a MalpensaFiere di Busto Arsizio durante un seminario organizzato dal Punto Impresa Digitale della Camera di Commercio in collaborazione con Innexta Consorzio Camerale Credito e Finanza. L’incontro rientra nell’ambito del progetto “Fintech. Finanza Digitale 4.0”, iniziativa promossa dal Sistema Camerale lombardo e da Regione Lombardia per favorire la conoscenza e l’utilizzo di strumenti di finanza innovativa.

Che Blockchain sia una tecnologia in rapida espansione, anche per le opportunità che offre al sistema delle imprese, lo confermano i dati più recenti: sono ben 800 i progetti avviati nel mondo e la gran parte riguarda aziende di produzione, trasporti e logistica, pubblica amministrazione, commercio e media.

«Lo stesso Decreto Semplificazione appena varato – sottolinea il presidente della Camera di Commercio, Fabio Lunghi – ha introdotto normative sulla Blockchain e la Legge di Bilancio 2019 ha previsto risorse mirate allo sviluppo di tecnologie collegate a questo sistema».

Così, tra le applicazioni di Blockchain che già hanno riscosso grande interesse ci sono quelle per i servizi di assicurazione intelligente, accessibili anche da smartphone. È il caso, per esempio, del rimborso automatico in caso di ritardo di un volo superiore alle due ore. Quando si acquista un biglietto, il sistema registra la transazione sulla Blockchain. Il contratto diventa così non modificabile e il servizio, collegato al database mondiale dei voli, può rilevare all’istante il ritardo e inviare automaticamente l’indennizzo ai clienti. Il rimborso diventa immediato e senza necessità di ulteriori documenti.

La Blockchain è infatti una tecnologia che crea un database per la gestione di transazioni condivisibili tra più nodi di una rete: consente, quindi, di inviare dati, di qualsiasi tipo, in maniera sicura, tagliando la catena degli intermediari. Permette insomma lo scambio di dati sicuri tra molte persone, senza necessità di provider o cloud esterni. È il caso, per citare un altro esempio, della compravendita immobiliare: qui la Blockchain offre un modo per ridurre la necessità di supporto cartaceo per la registrazione dei dati. Porta, dunque, a una velocizzazione delle operazioni legate alla stesura dei contratti, all’identificazione delle controparti e dei dettagli precisi del bene oggetto di compravendita.

«Al di là di quello strettamente finanziario –riprende Lunghi–, sono quindi diversi gli ambiti in cui utilizzare efficacemente la Blockchain. Tra questi, il manifatturiero, dove garantisce sicurezza e affidabilità nella trasmissione dei dati. Offre poi soluzioni efficienti per l’industria di trasformazione, per la gestione della logistica, interna ed esterna, e dei rapporti di filiera».

Ecco allora il rilievo dell’incontro di mercoledì 27 marzo a MalpensaFiere: con inizio alle 10, si parlerà della Blockchain come strumento per migliorare le performance aziendali, ottimizzando la gestione dei processi produttivi e dei rapporti commerciali e finanziari. L’iniziativa prevede anche la testimonianza di imprese del settore FinTech, i cui rappresentanti potranno essere incontrati personalmente dagli operatori presenti.

La partecipazione è gratuita, ma occorre prenotarsi online sul sito della Camera di Commercio di Varese, all’indirizzo www.va.camcom.it, seguendo il percorso “Convegni e Seminari ˃ Punto Impresa Digitale”.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 25 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore