Green Valley vince il decimo bando di “Libera-mente Giovani 8.1”

A vincere è stato il progetto dei Fiori dell'Olona che ha porposto la sistemazione del parco del Mulino

Generico 2018

Mercoledì sera 17 aprile si è svolta la premiazione dei progetti del bando Libera-mente Giovani 8.1, iniziativa promossa dal Comune di Marnate e dalla Cooperativa Totem per la promozione della cittadinanza attiva dei giovani marnatesi.

Il bando quest’anno ha visto la presentazione di 6 progetti da parte di gruppi di preadolescenti e adolescenti dai 13 ai 18 anni residenti a Marnate. I progetti sono stati valutati dalla Commissione Comunale formata dal Sindaco di Marnate Marco Scazzosi, dal Comandante della Polizia locale Rossano Belloni, dalla responsabile dei Servizi sociali Maria Rita Colombo, dalla Referente dell’informagiovani Marta Martinelli, una rappresentante per le società sportive Ivana Ferrario (Marnate Volley), e il rappresentante della Proloco, Corrado Della Valle.

I progetti dovevano seguire indicazioni date da una Commissione di adulti adulti del territorio marnatese e rispondere a uno o più di questi requisiti:
-Favorire l’aggregazione giovanile
-Creare qualcosa di duraturo per il paese di Marnate
-Valorizzare a livello locale l’arte, la storia, la cultura e l’ambiente
-Promuovere la solidarietà e l’attenzione per le persone
-Creare occasioni di scambio e confronto con realtà presenti dentro e fuori paese

In questa edizione gli adolescenti hanno dimostrato molta attenzione al territorio e al sostegno verso gli altri, con progetti che hanno spaziato dalla risistemazione di aree verdi urbane e parchi cittadini, con l’idea di migliorarli e renderli più fruibili ai cittadini (aree pic nic, verniciatura arredo urbano, piantumazione nuovi alberi, ecc.) e nel contempo aiutare e sostenere persone in difficoltà sia aiutando la missione di Padre Mariano in Africa, come creare un collegamento con i senzatetto che vivono in condizioni estreme nei dintorni di Milano. Un altro tema è legato alla lotta al bullismo e alla promozione dell’intercultura, visto che tante ragazze e ragazzi arrivano da altre provenienze e culture.

La Commissione, dopo un’attenta lettura e analisi dei progetti ha assegnato i seguenti punteggi:

1° Valle green – gruppo I fiori dell’Olona – Sistemazione Parco del Mulino PUNTI 80

2° Cinecultura giovani – gruppo I meridionali – Cortometraggio e street-food PUNTI 79

2° Parco Pensatoio – gruppo Pensatoio – Sistemazione parco PUNTI 79

4° Il nostro piccolo grande mondo – Gruppo We are the friends  – Aiuto a distanza scuola in Kenia PUNTI 76

5° L’aiuto corre veloce – gruppo I velocisti – progetto per aiutare i senza fissa dimora PUNTI 65

Fuori categoria – Il ballo di fine anno scolastico (che verrà realizzato nell’ambito delle attività scolastiche)

Per la Giuria popolare gli intervenuti alla serata hanno votato il progetto
“Valle green – gruppo I fiori dell’Olona”per la sistemazione Parco del Mulino con 38 voti contro i 34 voti del progetto Parco Pensatoio del gruppo Pensatoio.
Quindi gli intervenuti hanno di fatto confermato l’indirizzo dato dalla Commissione tecnica

“I Fiori dell’Olona” sono ragazze e ragazzi di frequentanti la seconda classe delle scuole secondarie di primo grado e sono in 6, spalleggiati in maniera significativa da tre genitori desiderosi di accompagnare i ragazzi in questa avventura.

Ora dal 2 maggio partirà la fase di realizzazione delle proposte dove i gruppi formati da almeno 5 adolescenti e da un adulto scelto da ragazze e ragazzi affronteranno le diverse sfide che la realtà proporrà per arrivare al proprio obiettivo: realizzare il proprio progetto.

Alla serata hanno presenziato e portato la loro esperienza anche i ragazzi del gruppo Trapanos, quattro ragazzi diciottenni freschi partecipanti del meeting europeo del progetto “Method” all’interno del programma Erasmus+ della Commissione Europea. Un’esperienza importante di crescita, condivisa con coetanei della provincia di Varese (Fagnano Olona, Cunardo e Mornago) e con la partecipazione di otto adolescenti dell’associazione portoghese Pasec, realtà molto sviluppata nelle scuole e nei municipi nel nord del Portogallo nella zona di Oporto e Braga. Un modo per far capire che da piccoli progetti locali si può arrivare ad essere protagonisti di qualcosa più grande, basta crederci e avere perseveranza in quanto si crede.

Inaugurato il parco pensatoio realizzato dai giovani: “Qui si vede il tramonto”

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 aprile 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore