Alla Liuc un corso per “saper essere”, prima di “saper lavorare”

Il progetto si chiama "Life skills in action" ed è un vero e proprio allenamento alla professione e alla vita per gli studenti che stanno per fare ingresso nel mondo del lavoro

life skills liuc

Si è tenuta mercoledì 8 maggio, all’Università Cattaneo di Castellanza (LIUC), la presentazione di Life Skills in Action. Hanno aperto l’incontro Vittorio D’Amato, responsabile del progetto e il rettore universitario Federico Visconti che ha precisato l’importanza della vicinanza alle imprese per capire cosa vogliono dai giovani nel mondo del lavoro.

Si tratta di un nuovo progetto universitario, nato dagli stimoli che le stesse aziende forniscono all’università sulle competenze più richieste, e proposto come vero e proprio allenamento alla professione e alla vita, utile per affrontare con maggiore consapevolezza l’ingresso nel mondo del lavoro.

Il corso partirà con l’anno accademico 2019/2020 e sarà aperto a tutti gli studenti dell’Ateneo. Verranno approfondite diverse tematiche: la capacità di ascolto e di ricerca, il feedback, la leadership, il problem solving creativo e molte altre.

La presentazione è proseguita con il contributo di Max Calderan, esploratore estremo, ma anche preparatore atletico ed esperto di genetica, che vuole spronare i giovani a toccare con mano la vita e non solo studiarla sui testi, ricordando la sua ultima impresa in cui è arrivato al confine con l’Oman dopo 360 Km a piedi nel deserto, una delle tante imprese in cui amette di “mettere in pratica in modo provocatorio ciò che uno studente di medicina o di ingegneria studia sui libri”.

La parola è poi passata alle aziende attraverso l’intervento di Luigi Gallazzini (Vice President Sales Global Blue), Paolo Cederle (Italian Executive Chairman and Country Manager EVERIS Spa) e Giovanna Manzi (CEO Best Western Italia) sui temi delle life/soft skills in cui ha moderato Francesco Seghezzi, responsabile area lavoro di Open.

“Alla LIUC siamo convinti – spiega il professore Vittorio D’Amato, Direttore del Centro sul Cambiamento, la Leadership e il Cambiamento Organizzativo della LIUC Business School – che non bastino le competenze tecniche per la formazione dei manager di domani, ma che siano altrettanto fondamentali le cosiddette soft skills, competenze personali e trasversali. Con Life Skills in Action gli studenti avranno l’opportunità di sviluppare una serie di capacità che caratterizzano le principali fasi della vita: gestire se stessi, raggiungere dei risultati, lavorare in team e proiettarsi al futuro, a partire dal proprio successo personale ed aziendale, con attenzione alla dimensione sociale e collettiva”.

Al tema delle soft skills la LIUC ha dedicato anche un libro dal titolo “Soft skills per il management – Elementi essenziali per affrontare le nuove sfide”, a cura del professore Vittorio D’Amato insieme a Daniela Mazzara (Direttore del Master in Human Resources Management della LIUC – Business School) e Elena Tosca (Direttore del Master in Meccatronica & Management della LIUC Business School).

di
Pubblicato il 09 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore