La tredicesima edizione di “Terra e Laghi” comincia dal tango

Il primo appuntamento sarà il primo giugno a Varese, ai giardini Estensi con lo spettacolo della compagnia “Tango di periferia”. Poi anche Moni Ovadia e Arianna Scommegna

Presentazione del festival "Terra e Laghi" 2019

Comincerà con un tango il primo di giugno la lunga serie di eventi che riempiono la rassegna di “Terra e Laghi” giunta quest’anno alla 13esima edizione, che dal piccolo comune di Cadegliano Viconago si è espanso nel territorio dell’Insubria (topos geografico ormai parte della rassegna, che si denomina “Festival internazionale di Teatro nell’Insubria e nella macroregione alpina”) e oltre.

In tutto sono circa 60 sedi che vanno ben oltre la provincia di Varese, e anche oltre l’Insubria superando anche i confini dell’Italia per raggiungere non solo la vicina Svizzera, ma anche Vienna, Nizza, Dresda, Friburgo, Ginevra, Berna, Capodistria, Monaco.

Le attività, che dal primo giugno proseguiranno fino a fine novembre, sono state presentate questa mattina, 15 maggio 2019, in un corposo incontro a cui hanno partecipato tra gli altri il sindaco di Varese Davide Galimberti, l’assessore alla cultura Roberto Cecchi l’assessore provinciale Simone Longhini e Carlo Massironi per la Fondazione Culturale del Varesotto, ma anche il sindaco del comune svizzero di Novazzano, il sindaco di Ponte Tresa e l’assessore alla cultura di Arona.

A fare da “cerimoniera” l’ideatrice e anima di Teatro Blu, una realtà che proprio quest’anno compie 30 anni e che ha fatto nascere il festival: Silvia Priori.

Presentazione del festival "Terra e Laghi" 2019

SI COMINCIA DAL TANGO, POI SI CELEBRA “LA PICCOLA SPOLETO”

Il primo appuntamento sarà il primo giugno a Varese, ai giardini Estensi con lo spettacolo della compagnia “Tango di periferia” creato da Silvia Priori e Roberto Gerbolès che vedrà come ballerini Angela Quacquarella e Mauro Rossi, con la voce di Francesca Galante e l’Orchestra composta da Igor della Corte, Norberto Cutillo, Virgilio Monti, Ciro Radice.

Si proseguirà a Cadegliano con altri 4 eventi speciali ogni sabato di giugno, ospitati nel parco di Villa Menotti, la casa natale del noto compositore, fondatore del Festival dei Due Mondi, e che ha permesso al comune di definirsi “la piccola Spoleto”: questi ultimi saranno più strettamente legati ai festeggiamenti per i trent’anni di attività di teatro Blu.

Tra i primi spettacoli previsti già grandi protagonisti: tra gli altri, Arianna Scommegna e Moni Ovadia

IL PROGRAMMA DEI PRIMI EVENTI

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 15 maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore