Giro under23: Covi brilla in salita, ora è secondo in classifica

Il giovane di Taino chiude al quarto posto la tappa del Monte Amiata vinta dalla nuova maglia rosa, il colombiano Ardila. Dopo il giorno di riposo (martedì) le altre montagne

alessandro covi ciclismo giro d'italia under 23

Alessandro Covi non sta tradendo le attese della vigilia che lo volevano protagonista al Giro d’Italia under 23. Il 20enne di Taino, che gareggia per il Team Colpack, è salito oggi (lunedì 17) al secondo posto della classifica generale, alle spalle (per 18″) del solo Andres Camilo Ardila, colombiano che ha vinto la prima tappa con arrivo in salita al Monte Amiata e conquistato così la maglia rosa.

Covi (foto Team Colpack) è giunto quarto sul traguardo toscano, preceduto dal belga Verschaeve (animatore della fuga più importante della giornata) e dall’altro colombiano Rubio Reyes, ma con il risultato odierno ha confermato le ottime indicazioni dei giorni scorsi. Il giovane varesino infatti aveva già provato la fuga nella tappa di sabato ed era stato riassorbito dal gruppo già lanciato in volata in vista del traguardo; domenica invece Alessandro era stato tra i più attivi chiudendo al nono posto la frazione vinta da un altro italiano, Fabio Mazzucco.

Oggi la salita ha detto bene a Covi che, non potendo andare a riprendere Ardila, ha tenuto un buon passo sulle pendici dell’Amiata, ha limitato i distacchi dal leader di giornata (a cui ha ceduto 47″) e guadagnato secondi preziosi rispetto a molti rivali per la generale. Il Giro Under 23 è ora in un momento delicato: domani (martedì 18) è previsto l’unico giorno di riposo e quindi la tappa di mercoledì scatterà con qualche insidia in più dovuta, appunto, alla giornata di stop che è sempre imprevedibile, specie per atleti così giovani e relativamente inesperti.

La frazione poi sarà dura: si partirà dal parmense (da Sorbolo – Mezzani) per arrivare in vetta al Passo Maniva nel Bresciano, unica – ma lunga e impegnativa – salita della quinta tappa. I colombiani hanno avvisato la concorrenza e potranno correre per difendere il primato; Covi però capeggia la controffensiva italiana (e non solo) e troverà tanto tifo sulle strade di Lombardia.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 17 giugno 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore