Presidio davanti alla Prefettura contro la legge Pillon

Ad organizzare la manifestazione Cgil Varese, Anpi provinciale, Arci provinciale, Arcigay Varese, Articolo Uno, Comitato permanente Diritti Umani, Eos, Liberi e Uguali, Partito Comunista, Pd provinciale, Pd Varese, Possibile, Potere al Popolo, Rifondazione Comunista

Manifestazione Pillon

Giovedì pomeriggio, 25 luglio, è stato organizzato un presidio per dire no alla legge Pillon davanti alla Prefettura di Varese.

«E’ ripartita in Commissione Giustizia al Senato la discussione del ddl Pillon e collegati. Domani pomeriggio giovedì 25 luglio 2019 a Varese, a partire dalle ore 16.30, si terrà un presidio #noPillon davanti alla Prefettura. Un presidio organizzato contemporaneamente in tutta Italia e che fa seguito alla giornata di mobilitazione di ieri a Roma, in piazza Montecitorio, e a Milano. E’ il momento che tutte le forze politiche si esprimano senza ambiguità. Noi saremo di nuovo in piazza contro il DDL Pillon: non ci fermerete».

Ad organizzare la manifestazione Cgil Varese, Anpi provinciale, Arci provinciale, Arcigay Varese, Articolo Uno, Comitato permanente Diritti Umani, Eos, Liberi e Uguali, Partito Comunista, Pd provinciale, Pd Varese, Possibile, Potere al Popolo, Rifondazione Comunista.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 24 luglio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Andrea Marconi

    Ieri tutte le forze politiche si sono espresse senza nessuna ambiguità, visto che da tutti i gruppi parlamentari della commissione Giustizia del Senato, è stato conferito il mandato ufficiale al senatore Pillon per definire il testo unificato sull’affido condiviso. Evidentemente (molto evidentemente) lo scandalo di Bibbiano, che ha di fatto mostrato perl’ennesima volta tutto lo schifo di questo sistema messo su in 25 anni dalle sinistre, ha chiuso la bocca agli sguaiati oppositori.

Segnala Errore