Antonio Palmieri nuovo presidente del Piano di Zona

Succede a Fabio Passera. Sua vice, il sindaco di Cunardo Pinuccia Mandelli

Avarie

Dopo la Comunità Montana Valli del Verbano un altro ente di secondo livello va al rinnovo delle cariche a seguito delle elezioni che hanno comportato il rimescolamento delle carte nell’ambito amministrativo locale.

È il «Distretto di Luino» meglio noto come Piano di Zona, composto dai rappresentanti di 24 Comuni dell’Alto Varesotto, che ha competenze sul sociale e sulle materie comprese nella legge 328 del 2000 (centro diurno disabili, minori, inserimenti lavorativi, ludopatie).

Il presidente, eletto nella seduta di ieri sera, giovedì, a Luino, è Antonio Palmieri, neoeletto sindaco di Tronzano Lago Maggiore, già consigliere comune di Luino e capogruppo della Lega a Palazzo Serbelloni. Sua vice Pinuccia Mandelli, sindaco di Cunardo ed espressione politica di area democratica.

Unanimità gradita dai nuovi vertici – Antonio Palmieri succede a Fabio Passera – ma non scontata, che sembra dunque ripercorre il “nuovo corso“ giocato dalla politica locale volta alle larghe intese.

Questi i Comuni che compongono il piano d’area: Agra, Bedero Valcuvia, Brezzo di Bedero, Brissago Valtravaglia, Cadegliano Viconago, Castelveccana, Cremenaga, Cugliate Fabiasco, Cunardo, Curiglia con Monteviasco, Dumenza, Ferrera di Varese, Germignaga, Grantola, Lavena Pontetresa, Luino, Maccagno con Pino e Veddasca, Marchirolo, Marzio, Mesenzana, Montegrino, Porto Valtravaglia, Tronzano Lago Maggiore, Valganna.

A settembre è prevista una riunione di natura divulgativa in cui saranno invitati gli amministratori locali, ma soprattutto i nuovi sindaci a cui verranno illustrate le istituzioni e le attività del Piano con compiti e ripartizioni di fondi legati alle singole materie.

«Ringrazio tutti gli amministratori presenti e per la loro fiducia unanime nei miei confronti – dichiara Antonio Palmieri, il presidente neo eletto – . Ieri sera ho chiesto che un numero maggiore di comuni sieda al tavolo di rappresentanza. L’Assemblea ha approvato all’unanimità anche questa mia proposta e son stati scelti Marchirolo, Germignaga, Bedero Valcuvia, Agra, Grantola, Cadegliano Viconago, Lavena Ponte Tresa, Castelveccana, a cui si uniscono per diritto Luino, Cunardo e Tronzano Lago Maggiore».

Così la vice presidente Pinuccia Mandelli: «Prosegue il mio impegno per il Piano di Zona, mi metto a servizio dei nostri territori, pur con la consapevolezza di tutti i limiti del Piano».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 agosto 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore