Basta etichette ingannevoli: la crociata di Coldiretti

C'è tempo sino al 2 ottobre per sottoscrivere la petizione e chiedere una legge europea che imponga di scrivere sull'etichetta l'origine di tutti i prodotti utilizzati

Coldiretti Campagna amica

Un milione di firme da raccogliere entro il 2 ottobre. È l’impresa quasi raggiunta che questa mattina è stata ricordata al Villaggio Coldiretti di piazzale De Gasperi a Masnago.

« Dobbiamo arrivare al milione di adesioni per chiedere all’Unione Europea di approvare una legge che imponga, a tutti i prodotti, un’etichetta con l’indicazione delle provenienze di tutte le materie utilizzate – spiega Paolo Sessa – Così come già esiste per la carne, per esempio, vorremmo che si arrivasse a definire uno standard di sicurezza e garanzia per i consumatori. Solo se messi in condizioni di sapere tutto, potranno scegliere responsabilmente un prodotto invece di un altro».

Coldiretti non è sola a sostenere questa battaglia: insieme, nei diversi paesi dell’Unione, ci sono associazioni di altri stati dalla Polonia alla Francia, perché la proposta deve essere sostenuta da un milione di cittadini residenti in almeno 7 paesi dell’UE.

Oggi, sostiene Coldiretti, nel nostro carrello della spesa un prodotto ogni 4 è a rischio “imbroglio” nel senso che non riporta correttamente tutta la filiera: « La posta in gioco è alta – commenta Fernando Fiori presidente di Coldiretti Varese  per la prima volta c’è la possibilità di invertire la tendenza e spingere la Commissione UE a valorizzare l’origine dei prodotti agricoli e garantire trasparenza di acquisto dei cittadini e un giusto reddito agli agricoltori».

La battaglia è sentita in Italia dove il “made in Italy” è particolarmente pregiato e la tendenza a sfruttare in modo scorretto il “nome italiano” è diffuso, con grave danno per chi lavora con serietà e seguendo le normative particolarmente attente nel nostro paese.

Chiunque può sottoscrivere la petizione che si può trovare anche on line: https://sceglilorigine.coldiretti.it/

di alessandra.toni@varesenews.it
Pubblicato il 27 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore