Quando vendete casa fate attenzione agli abusi edilizi

Il consiglio di Alessandro Tosti (Remax): «Non basta avere in mano una planimetria, ma serve quella depositata in Comune»

La Casa in Fiera

«Se dovete vendere casa e volete evitare brutte sorprese davanti al notaio, c’è un passaggio che non potete ignorare: rilevate tutti gli abusi edilizi. Andate dal vostro professionista di fiducia, geometra o architetto che sia, e fategli fare un accesso agli atti».
Il consiglio di Alessandro Tosti, assistente del broker dell’agenzia Remax di Varese, può essere determinante per la buona riuscita di una compravendita senza perdere tempo e soldi. «In genere si tende a sottovalutare questi abusi – continua Tosti – e a Varese, vi assicuro, ne vedo tanti. Non basta avere in mano una planimetria, perché ci vuole quella giusta, cioè la stessa di cui è in possesso il Comune. L’inconveniente tipico è quando ci si trova in presenza di un vincolo paesaggistico: per ottenere l’autorizzazione ci potrebbe volere anche un anno perché in questo caso la pratica deve andare in Regione.  L’aggravio di costi può arrivare anche tremila euro, a seconda dei casi».

Una buona compravendita ha un presupposto indispensabile: avere tutti i documenti a posto prima di arrivare davanti al notaio per il rogito: «La buona agenzia ti deve risolvere i problemi – sottolinea  Tosti -. La compravendita di un immobile deve essere affidata a un professionista per due motivi: per il suo oggetto che è la casa, ovvero il bene della vita, e perché si tratta di una procedura molto complessa che richiede competenza, conoscenza e quindi grande professionalità».

Come quasi tutti gli operatori, anche Remax riconosce in questa fase del mercato il vantaggio dell’acquisto. «Chi ha comprato prima del 2007 –  conclude Tosti – ha perso dal 30 al 35% del valore iniziale. Addirittura ci sono proprietari che si ritrovano case che valgono meno del mutuo residuo. Questo è accaduto dappertutto, tranne che a Milano dove c’è un mercato a parte».

TUTTI GLI ARTICOLI SULLA CASA IN FIERA

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 15 settembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore