250 scuole e oltre 30 librerie varesine per IoLeggoPerché

La maratona che promuove la lettura e moltiplica le donazioni per le biblioteche scolastiche si svolgerà dal 19 al 27 ottobre in tutta Italia

ioleggoperché

Le scuole hanno arsura di libri e rispondono in massa alla nuova edizione di #IoLeggoPerché, la manifestazione promossa dall’associazione editori (Aie) per regalare migliaia di libri alle biblioteche scolastiche. In provincia di Varese sono circa 250 gli Istituti di ogni ordine e grado, pubblici, privati o parificati che hanno aderito quest’anno alla manifestazione (qui l’elenco completo) e che possono contare sulla collaborazione di oltre trenta librerie (di cui 7 nel capoluogo qui l’elenco completo) e soprattutto sull’adesione di genitori, famiglie e amici della scuola.

COME FUNZIONA
Nella settimana compresa tra il 19 e il  27 ottobre ogni cittadino potrà recarsi in una delle oltre 2 mila librerie aderenti e scegliere di donare un libro alla scuola con cui la libreria si è gemellata, dando così un personale contributo concreto. Al termine della campagna, gli editori aderenti faranno la loro parte, destinando alle biblioteche scolastiche un monte libri pari alla donazione dei cittadini calcolata su base nazionale (fino a un massimo di 100.000 volumi).

ioleggoperché

I NUMERI
Quest’anno la manifestazione ha ottenuto il 70% di adesioni in più rispetto allo scorso anno arrivando a contare oltre 15.000 scuole iscritte (di cui oltre 2200 solo in Lombardia, la regione che ha risposto con maggiore entusiasmo), per un totale di circa 3 milioni gli studenti coinvolti in 140.000 classi in tutta Italia e gemellate con quasi 2400 librerie. “Colpisce che su 15.000 scuole aderenti, ben 5.000 siano dell’infanzia e 6.000 della primaria – ha detto il presidente di AIE, Ricardo Franco Levi – possiamo veramente, tutti insieme, lavorare per far crescere nuovi lettori, come è nelle intenzioni del progetto”.

IlLeggoPerché ha il pieno sostegno del Ministero dell’istruzione e vede impegnati nel ruolo di testimonial  Rudy Zerbi e Luciana Littizzetto. L’edizione 2019 è stata presentata giovedì 10 novembre in una scuola elementare milanese con la partecipazione di autori come Paola Calvetti, Chiara Francini, Alessia Gazzola e Andrea Vitali, che hanno dialogato con i bambini intorno al grande tema dei libri che non dovrebbero mai mancare in una biblioteca scolastica.

ioleggoperché

“Non c’è cultura, non c’è crescita, non c’è libertà senza libri – ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Lorenzo Fioramonti  ringraziando gli editori per l’iniziativa – Ho un sogno: dove c’è un ragazzo ci deve essere un libro”.
Anche la Presidenza del consiglio ha aderito a #ioleggoperché facendone una campagna di comunicazione a sostegno alla promozione della lettura che arriverà sui campi da calcio, su diverse piattaforme televisive e persino nella serie tv “Un posto al sole” di RaiTre.

I GEMELLAGGI
Gli istituti partecipanti hanno attivato 28.123 gemellaggi con le librerie e sulla piattaforma on line www.ioleggoperche.it possono già indicare alle librerie i titoli desiderati per indirizzare in modo mirato le donazioni.

ioleggoperché

IL CONTEST
Per premiare alcune tra le tante iniziative delle scuole che verranno realizzate nelle librerie nei giorni di campagna, torna inoltre il contest #ioleggoperché a cui hanno aderito centinaia di scuole in tutta Italia con la collaborazione delle librerie gemellate: la sfida è organizzare insieme, durante i nove giorni di campagna – dal 19 al 27 ottobre – un evento o un’attività in libreria per promuovere #ioleggoperché 2019 e incentivare così le donazioni. Vale tutto:  letture ad alta voce, incontri con l’autore, flash mob letterari, lezioni, gare di abilità, spettacoli, installazioni in vetrina.
Le 10 scuole che avranno organizzato le attività più creative, originali ed efficaci, saranno premiate, con 1.500 euro di buoni SIAE per l’acquisto di libri in libreria.

di
Pubblicato il 11 ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore