Manutenzione delle ciclabili, la Provincia cerca la svolta con lo sponsor dei privati

Il costo del servizio affidato alla cooperativa Naturcoop e gestito attraverso l'inserimento e l'impiego di lavoratori disabili sarà finanziato per 270mila euro dall'azienda MedicAir di Origgio

magrini brianza

Le piste ciclabili dei laghi varesini sono un fiore all’occhiello della nostra provincia: sono frequentate e amate da tutti ma, come risvolto della medaglia, anche costose da mantenere.

La premessa è d’obbligo e dalla Provincia di Varese non lo nascondono: «con la carenza di fondi a disposizione da qualche anno è diventato complicato garantire un adeguato livello di manutenzione ma oggi presentiamo una novità che contribuirà a cambiare la situazione».

A parlare è il consigliere provinciale delegato alla Viabilità Marco Magrini e la novità è che ad eseguire la manutenzione del verde delle piste del lago di Varese, del lago di Comabbio e del collegamento Biandronno – Varano Borghi per i prossimi tre anni sarà MedicAir, un’azienda che opera nel settore dell’Home Care con sede operativa a Origgio.

Si tratta di una formula che garantisce la copertura del servizio non attraverso le casse provinciali ma con la sponsorizzazione di un privato. Un modello che la Giunta Antonelli vuole provare ad estendere anche ad altri servizi.

Intanto si parte dalla cura del verde delle ciclabili: «Lo sponsor è stato individuato dall’ente in conformità alle disposizioni normative, con la massima trasparenza mediante la pubblicazione di un avviso pubblico – osserva Magrini – Abbiamo deciso di attivare la sponsorizzazione perché la manutenzione delle piste ciclabili e quindi la piena fruibilità dei tratti realizzati e di competenza della Provincia sono sempre più problematici a causa della progressiva riduzione delle risorse a disposizione dell’Ente».

La sponsorizzazione permetterà alla Provincia un risparmio di 270mila euro in tre anni sui costi di manutenzione: l’azienda opererà secondo un programma concordato con gli uffici tecnici di Villa Recalcati e lo realizzerà con il supporto progettuale di Labor-b Spa, società di consulenza strategica Human Resource, coinvolgendo anche il terzo settore con la cooperativa Naturcoop.

Il servizio di manutenzione garantito

Sui tratti di pista ciclabile di competenza della Provincia questo nuovo progetto, che sarà gestito operativamente da Naturcoop attraverso l’inserimento e l’impiego di personale disabile, garantirà otto tagli di rovi ed erba, un servizio continuativo di raccolta foglie, l’abbattimento alberi, l’innalzamento fronde, il monitoraggio delle piste, lo svuotamento dei cestini e anche le piccole manutenzioni di staccionate e arredi. Inoltre, sarà avviato un’attività di georeferenziazione di tutto il percorso e dei suoi arredi per migliorarne la possibilità di monitoraggio.

Il progetto sociale

Ad illustrare i dettagli del progetto è stato il consigliere alla protezione civile Alberto Barcaro: «questa novità, oltre ad assicurare una migliore gestione delle piste, avrà un grande valore di inclusione sociale: darà infatti l’opportunità a persone disabili di inserirsi nel mondo del lavoro e di crescere professionalmente. Il personale disabile sarà inserito in un contesto lavorativo misto e avrà l’opportunità di occuparsi del territorio in cui vive».

In sostanza MedicAir, azienda leader nel settore dell’Home Care, ha realizzato con il supporto progettuale di Labor-b Spa e la Provincia di Varese un progetto innovativo per gestire l’obbligo di assunzione delle categorie protette (Legge 68/99). Secondo il modello che diventerà presto operativo l’azienda coprirà i costi di manutenzione delle piste ciclabili che sarà realizzata operativamente dalla cooperativa Naturcoop di Somma Lombardo attraverso l’inserimento e l’impiego di persone con disabilità.

Il commento

«Si parte da un problema e si arriva ad una soluzione dove guadagnano tutti – ha chiosato la vicepresidente del Consiglio regionale lombardo Francesca Brianza durante la presentazione -: la Pubblica Amministrazione sarà in grado di cancellare una voce dal proprio bilancio, l’azienda di ottemperare all’adempimento normativo prendendosi anche cura del territorio in cui opera e a delle persone con disabilità di essere introdotte nel mondo del lavoro con un percorso ben strutturato da Naturcoop».

Tomaso Bassani
tomaso.bassani@varesenews.it

Mi piace pensare VareseNews contribuisca ad unire i puntini di quello straordinario racconto collettivo che è la vita della nostra comunità. Se vuoi sentirti parte di tutto questo sostienici.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 25 Ottobre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.