Clark si guadagna i primi applausi, Simmons regge l’urto

I due americani sono i migliori per Varese che ha poco da Mayo e Tambone. Vene non riesce a svettare, Peak ha il merito di provarci

olimpia-openjobmetis

PEAK 6 – Talvolta respinto con perdite, talvolta tradito dagli arbitri che ingoiano il fischietto sulle sue scorribande, talvolta impreciso dall’arco. Però L.J. Sta in campo con lo spirito giusto, prova incursioni contro una difesa di giganti, mette corpo, gambe e braccia in difesa per limitare l’avversario di turno.

Galleria fotografica

Olimpia Milano- Openjometis Varese 4 di 52

CLARK 6,5 (IL MIGLIORE) – In un attacco che spesso aspetta l’ultimo passaggio per liberare un tiratore, il buon Jason (con Peak) è l’uomo in grado di sparigliare un po’ le carte: spunta a rimbalzo offensivo, prova la zingarata in area, tenta col tiro da fuori. Ogni tanto pasticcia palla in mano, però chiude con 14 punti e 16 di valutazione: in una serata di magra, sono cifre che spiccano. MVP anche per i lettori della #direttavn

JAKOVICS 5 – Arrotonda un po’ il tabellino nell’ultimo periodo, quando la partita si gioca solo per le statistiche; nella prima mezz’ora invece non riesce ad accendere la propria miccia. Contro una milano così stazzata, un po’ di follia lettone sarebbe servita, invece Jako resta imbrigliato come i compagni.

NATALI 5,5 – L’azione in cui è folgorato dal primo passo di Moraschini (canestro più fallo) è purtroppo uno dei momenti che inquadrano bene la partita del Forum. Ma non gliene possiamo fare una colpa troppo grande. Bella tripla dall’angolo a lasciare un piccolo graffio sul match.

VENE 5,5 – Il tabellino finale è piuttosto piacevole (12 punti, 6 rimbalzi, 9 di valutazione), la sua partita invece non ci convince del tutto. L’estone è forse l’unico a poter competere con Milano per pedigree: era lecito aspettarsi un po’ più di leadership in questa circostanza. Lascia, anche, sul ferro un paio di tiri aperti quando ancora ci sarebbe tempo per imbastire una rimonta.

Milano è un carro armato: niente da fare per la Openjobmetis

SIMMONS 6 – Trova due clienti bruttissimi: Gudaitis (in combutta con gli arbitri) lo carica subito di falli, Biligha invece gli nega un paio di canestri con balzi che gli oscurano il cerchio. Però Simmons non demorde mai: otto rimbalzi, cinque falli incassati, tanta volontà a dispetto della sua solitudine nel pitturato.

MAYO 5 – Sembra una biglia in mezzo alle palle da bowling: se ci prova in velocità trova i raddoppi, se cerca spazio per il tiro vede davanti a sé un bosco di braccia alte. Un paio di blitz vincenti e poi tanta fatica con 3 palle perse a rendere tutto più complicato.

Caja non fa drammi: “Difficile competere con un’avversaria così”

TAMBONE 5 (IL PEGGIORE) – Torna a soffrire una situazione antica, quella della concorrenza dei compagni di ruolo: ha un paio di palloni buoni per graffiare in avvio ma li sbaglia e il rapido panchinamento incide sul suo morale. Zero tutto (tranne 3 rimbalzi) in dieci minuti. Male.

FERRERO 5 – Non può reggere certi confronti che gli si capitano sul parquet, né con Micov né con Brooks e neppure con l’ultimo della panchina milanese (è una battuta: si tratta di Luis Scola…). L’impegno c’è sempre, la mano no: errori in serie, anche su tiri coi piedi per terra, l’unico centro a gara quasi finita. Serata no.

 

ANDREA MENEGHIN E SANDRO GALLEANI A GLOCAL ’19

Andrea Meneghin e Sandro Galleani saranno gli ospiti della serata organizzata per sabato 9 (ore 21) alle Ville Ponti di Varese in occasione del festival di giornalismo “Glocal”. Nel corso dell’evento sarà proiettato il docu-film di Alessandro Mamoli e Simone Raso sulla vittoria dell’Italia agli Europei del 1999: Meneghin e Galleani ci aiuteranno a rivivere quella favolosa cavalcata azzurra. CLICCATE QUI per prenotare il vostro posto gratuito.

di damiano.franzetti@varesenews.it
Pubblicato il 03 novembre 2019
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Olimpia Milano- Openjometis Varese 4 di 52

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore