Sbancato il fianco della collina franata

Completata la rimozione della terra e della vegetazione, ora può partire la messa in sicurezza. Intanto il sindaco denuncia il passaggio sulla strada ciclopedonale e lo spostamento dei New Jersey.

cantello - varie

«Domani, lunedì, inizieranno i lavori di taglio bosco delle piante morte pericolanti rimaste, per la definitiva messa in sicurezza dell’area. Farò e faremo di tutto per garantire la riapertura della strada prima della ripresa piena delle attività lavorative e delle scuole».

È la promessa del sindaco di Cantello, Chiara Catella, che aggiorna così sulle condizioni della frana che una settimana fa – per la precisione il 21 dicembre – si è abbattuta sulla via Lugano, strada di collegamento locale.

«Dopo un sopralluogo congiunto con i proprietari del bosco, ufficio tecnico, la sottoscritta e le imprese che avranno incarico per la messa in sicurezza del versante, questa mattina,  domenica, abbiamo provveduto ad asportare il terreno sino ad arrivare alla roccia nuda» spiega ancora il sindaco Catella. Eliminata completamente la terra e la vegetazione, ora si passerà appunto all’intervento

«La quantità di terra che vedete sotto al cingolato è pari a quella che sarebbe scivolata in strada, colpendo chiunque transitasse in quel momento» continua Catella, per far comprendere i rischi a chi (nei giorni scorsi) ha deciso di passare comunque sulla via.

Nel post pubblicato su facebook la prima cittadina lamenta anche altro tipo di inciviltà: «I soliti incivili proseguono nei più tristi tentativi di utilizzo della strada vecchia – ora ciclopedonale – spaccando i lucchetti posti al bloccaggio degli archetti che evitano il transito di auto lungo il percorso ed asportando – sinceramente non so come visto che pesano diversi quintali – i New Jersey pieni di sabbia posizionati in loco. Essere d’accordo o meno sulla realizzazione di un’opera pubblica, non concede a nessuno il diritto di ignorare le regole del codice della strada mettendo in pericolo la sicurezza di chi, invece, rispetta le regole e la cosa comune».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 29 dicembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore