Morti per Covid: i Nas sequestrano 363 cartelle cliniche in 17 RSA del Comasco

L'inchiesta era partita da 26 esposti di familiari delle vittime e del personale sanitario. Coinvolto anche un ospedale. L’ipotesi di reato, a carico di ignoti, consiste in omicidio ed epidemia colposi

coronavirus

I carabinieri dei Nas di Milano hanno sequestrato 363 cartelle cliniche di pazienti anziani deceduti a causa del Covid nel Comasco.

L’operazione rientra nei servizi finalizzati a verificare il rispetto delle disposizioni necessarie a contrastare la diffusione epidemiologica da Covid-19.

Il sequestro è avvenuto al termine di accertamenti presso 17 residenze sanitarie assistenziali e un ospedale della Provincia di Como, richiesto anche il riscontro dei protocolli di prevenzione e delle procedure applicati.

L’indagine è stata avviata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Como in seguito alla ricezione di 26 esposti da parte di familiari delle vittime e del personale sanitario. L’ipotesi di reato, a carico di ignoti, consiste in omicidio ed epidemia colpose ed è compito ora dei magistrati scoprire le varie responsabilità, nonché la verità sulla gestione delle citate strutture.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 04 Agosto 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.