L’equitazione paralimpica è ripartita con la gimkana di Cislago

Il Garden Sporting Club ha ospitato il campionato regionale Fisdir per atleti con disabilità intellettiva relazionale. I risultati

campionato regionale equitazione fisdir disabili

Giornata importante quella di domenica 13 settembre per lo sport paralimpico: al Garden Sporting Club di Cislago si è tenuto il campionato regionale di equitazione – specialità gimkana – organizzato dalla Fisdir Lombardia, la federazione sportiva che coordina le attività degli atleti con disabilità intellettivo relazionale.

L’evento si è svolto a porte chiuse e con l’attuazione di tutti i protocolli anti-Covid in vigore ma ciò non ha attenuato l’entusiasmo dei cavalieri e delle tre società coinvolte.

Nella gimkana 1E, l’esordiente Greta Foschiera (Bramasole) ha preceduto Flavio Carini (Sogni & Cavalli Pavia). Nell’1M, la padrona di casa Eleonora Sessa (Agres) s’è piazzata davanti a Luca Pieri Landroni e Giada La Vizzera (S&C). Nel 2M ha vinto Asia Simary (S&C), davanti ad Alex Losa (Agres) e Marco Malchiodi (S&C).

Riuscitissima, poi, è stata la “Gimkana a squadre sperimentale circuito sport integrati”. Amazzoni e cavalieri di società diverse hanno unito le forze con atleti normodotati. Così, anche una disciplina individuale come l’equitazione s’è trasformata in uno sport di squadra, per il massimo della socialità e dell’integrazione. A primeggiare è stato il team composto da Michele Bignazzi, Vladimir Airoldi e Carolina Nelda Bianchi.

Il Campionato regionale ha rappresentato la gara d’esordio anche per Chiara Fabi, nuovo referente tecnico regionale di Fisdir Lombardia per l’equitazione. Il giudice Gabriella Von Asboth ha constatato come i partecipanti fossero motivati e ben preparati, nonostante la lunga pausa forzata e le condizioni particolari dettate dalla pandemia.

Alessandra Cova, responsabile organizzativo in seno all’Agres, ha commentato così l’esito della giornata: «Non ci poteva essere una ripartenza migliore. Quasi mi commuovo nel vedere i passi da gigante che abbiamo fatto negli ultimi dieci anni, soprattutto in termini di inclusione». All’appello manca ancora il Campionato regionale di dressage: si lavora per portare il concorso a Pavia.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore