Lega ticinesi, ancora attacchi ai frontalieri, Bianchi: “Rispetto per i lavoratori italiani“

Lorenzo Quadri chiede di lasciare a casa oltre la metà dei frontalieri. Il sindaco di Luino chiede una presa di distanza da parte della Lega di Salvini

Frontalieri

«Ho letto le dichiarazioni della Lega dei Ticinesi, e sono assolutamente parole da censurare . Sarebbe importante che anche le autorità regionali e nazionali dichiarassero la loro riprovazione stigmatizzando le affermazioni dell’esponente della lega ticinese in modo ufficiale chiedendo rispetto per i lavoratori frontalieri italiani che hanno garantito benessere economico ai loro territori e sicurezza sanitaria in tutti questi anni».

Lo fa sapere il sindaco di Luino Enrico Bianchi in seguito all’ennesimo attacco da parte di Lorenzo Quadri, consigliere nazionale ed esponente della Lega dei ticinesi che si è espresso in maniera dura sulla presenza dei frontalieri in Ticino dopo le decisioni del Governo italiano nel fermare alcuni collegamenti ferroviari.

Secondo Quadri a Giuseppe Conte il «novello avversario della mobilità transfrontaliera, va benissimo che i 70mila frontalieri entrino tutti i giorni in Ticino: altrimenti non avrebbero la pagnotta. E ancora meglio gli va ricevere ogni anno i 100 milioni di ristorni. Quindi, per venire incontro a “Giuseppi” e a sostegno della salute di tutti, visto che giustamente in tempi di pandemia da stramaledetto virus cinese bisogna limitare gli spostamenti transfrontalieri, cominciamo a lasciare subito a casa i 45mila frontalieri che lavorano nel terziario“, scrive il politico ticinese.

«Nel momento difficile che tutto il mondo sta vivendo, circa il 50% dei lavoratori della sanità svizzera sono italiani, senza di loro gli ospedali e le case di riposo chiuderebbero, mi auguro che su questo anche le autorità svizzere facciano qualche seria riflessione. La stessa riflessione e presa di distanza venga fatta anche dagli esponenti leghisti italiani», conclude il sindaco di Luino

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 08 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Felice

    La Svizzera, un piccolo paese purtroppo dominato da una gretta ignoranza dove anche per loro la Lega nostrana è il massimo rappresentante. A loro degli stranieri vanno bene solo i soldi ed i servizi che offrono, un pò meno per le persone che ogni giorno la rendono competitiva sul mercato e che svolgono lavori per i quali i “signori” ticinesi o non sono adeguatamente formati o non vogliono proprio fare.

  2. Giorgio Martini Ossola
    Scritto da Giorgio Martini Ossola

    Raglio d’asino non sale in cielo,il Quadri insieme al suo amico Gobbi sanno benissimo che i 70mila lavoratori frontalieri servono al Ticino come il pane serve agli affamati,però hanno la loro nicchia da difendere e così ogni tanto hanno l’obbligo di fare la loro sparata pro-elettorato. Chissà se avranno il coraggio di recarsi al parlamento di Berna a dire che dovrebbero lasciare a casa 45 mila frontalieri ….:-)

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.