Scompare il pre-scuola a Cardano. “Il sindaco ci ripensi”

La lista della sinistra, Cardano È, critica il passo indietro sui servizi a sostegno delle famiglie. "Uno dei servizi che hanno fatto scegliere a tanti Cardano come luogo dove crescere i propri figli"

istituto montessori cardano al campo

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato di Cardano È, la lista d’opposizione della sinistra cardanese, che chiede al sindaco Maurizio Colombo di rivedere la scelta di cancellare il servizio di pre-scuola

A fronte della decisione della Giunta Colombo di annullare il servizio pre-scuola, non possiamo che farci portavoce delle giuste proteste di tanti genitori che hanno visto sopprimere a pochi giorni dal ritorno a scuola un servizio che in passato era sempre stato assicurato alle famiglie di Cardano.
Due dei criteri in base a cui l’operato di un’amministrazione può essere giudicato sono certamente le priorità che la stessa decide di dare alla propria azione amministrativa e le modalità con cui la stessa comunica le proprie decisioni a coloro i quali ne sono i destinatari: i cittadini.

Se sicuramente manca di efficacia ed efficienza un’amministrazione che comunica con solo qualche giorno d’anticipo alle famiglie interessate che quest’anno non ci sarà più alcun servizio di pre-scuola, ancor prima dobbiamo dire che manca totalmente di buon senso una pubblica amministrazione che ritiene sacrificabile un servizio che è essenziale per consentire a tantissimi cittadini di soddisfare le esigenze educative dei propri figli senza dover sacrificare le proprie occupazioni lavorative.

Per valutare la bontà di una propria decisione ogni amministratore dovrebbe sempre chiedersi quali effetti avrà sui suoi destinatari e, se gli effetti sono come in questo caso quelli di incidere negativamente su due diritti essenziali dei cittadini come l’istruzione e il lavoro, desistere e fare tutto il possibile per evitare di prendere una simile decisione.
Nessuno nega che la pandemia abbia complicato tante cose e creato nuovi ostacoli e difficoltà. Tuttavia, il covid non può diventare la scusa per sgravarsi dalle responsabilità che l’amministrare comporta, ma anzi deve essere ciò che spinge a fare di più e meglio, anche rivedendo le proprie priorità.

Ostacoli e difficoltà non possono bloccare l’erogazione di un servizio che per tante famiglie è vitale. Amministrare è una sfida difficile. Pertanto, chi decide di proporsi come amministratore deve sapere che tanti saranno gli ostacoli e le difficoltà che potrebbe essere chiamato ad affrontare: di fronte a queste non si può, però, sempre alzare le mani e dire che si tratta di qualcosa di insormontabile.
Delle difficoltà bisogna prendere atto e cercare di mettere in campo soluzioni il prima possibile.

Esattamente questo ci aspettiamo dall’amministrazione Colombo: che il prima possibile Cardano torni ad offrire a ragazzi e famiglie tutti quei servizi accessori all’istruzione, tra cui il pre-scuola, che in passato l’hanno contraddistinta.
E contraddistinta a tal punto da indurre molte famiglie a sceglierla proprio per questo come luogo in cui risiedere e crescere i propri figli.

Cardano é

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 09 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.