In Regione arriva la richiesta del “superparco” per difendere la brughiera di Malpensa

Sio chiama Sic, Sito d'Importanza Comunitaria e darebbe maggiore tutela ad una zona di 856 ettari nell'area a Sud dell'aeroporto internazionale

brughiera Gaggio

Al Pirellone  – sede del consiglio della Regione Lombardia – si torna a parlare della richiesta di un nuovo Sito di Importanza Comunitaria (SIC) e Zona di Protezione Speciale (ZPS) per proteggere “Brughiere di Malpensa e Lonate”, all’interno del Parco Valle del Ticino.

L’occasione è stata l’audizione tenuta in Commissione Ambiente che ha ospitato Walter Girardi dell’Associazione Viva Via Gaggio in rappresentanza di RCM – Rete Comitati Malpensa, Claudio De Paola, direttore del Parco lombardo della Valle del Ticino, la professoressa Silvia Assini e il professore Giuseppe Bogliani, entrambi dell’Università di Pavia (Dipartimento Scienze della terra), nonché Gioia Gibelli componente del Consiglio di Amministrazione del FAI – Fondo Ambiente italiano.

Secondo la proposta presentata in Commissione, l’istituzione dei nuovi SIC e ZPS riguarderebbe 856 ettari di territorio, già parte del Parco della Valle del Ticino, all’interno dei Comuni milanesi di Nosate e Castano Primo e del Comune varesotto di Lonate Pozzolo (compresa l’area minacciata dall’ipotesi di espansione del cargo di Malpensa).

Di 856 ettari, cento sono di brughiera vera e propria, dieci ettari di praterie aride (la zona del “Campo della Promessa”) e il rimanente coperto da bosco. Un patrimonio ambientale e naturale di assoluto pregio in cui si sono insediate specie animali (farfalle) e vegetali (muschi e licheni) rari e in via di estinzione. I dati circa la conservazione dell’area sono da tempo in peggioramento, ed evidenziano come sia sempre più a rischio la biodiversità presente nell’area.

Il Campo della Promessa
La zona del “campo della Promessa”, ex aeroporto militare e zona d’addestramento usata fino all’inizio degli anni Duemila

«Già nel 2021 la stessa Regione aveva indicato le brughiere come elemento peculiare del paesaggio lombardo e aveva auspicato la salvaguardia e tutela» ricorda Walter Girardi, che ha introdotto la proposta del Sic lasciando poi ai professori Assini e Bogliani gli aspetti scientifici a sostegno della richiesta.

«È stata un’audizione molto importante che ha raccolto le istanze del territorio»ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Riccardo Pase.« Chiederemo alla Direzione generale regionale competente informazioni sul procedimento amministrativo in atto».

L’incontro era stato sollecitato dalla consigliera Michela Palestra (Patto Civico) che ha sottolineato come «l’istituzione del SIC possa costituire un’opportunità per salvaguardare un habitat naturale non ricostruibile e nel contempo rendere compatibile lo sviluppo delle attività umane». Oltre ai presenti, collegati online alla riunione anche i consiglieri varesini Giuseppe Licata e Samuele Astuti.

milano generica

La questione del cargo di Malpensa

Il SIC toccherebbe anche le aree “contese” immediatamente a Sud dell’aeroporto di Malpensa, dove Sea ed Enac vorrebbero l’ampliamento delle aree cargo dello scalo. Proposta bocciata dal Ministero dell’Ambiente nel giuno scorso e ora rimessa in campo dal “Decreto Aria” voluto dalla Lega.

I promotori del SIC si sono tenuti lontani dalla diatriba sulla questione, mentre più aperta è la polemica del Movimento 5 Stelle, a margine dell’incontro, per bocca di Paola Pizzighini: «Da una parte abbiamo il Ministero dell’Ambiente che ha bocciato il progetto di espansione dell’area cargo di Malpensa, con motivazioni molto chiare e circostanziate a tutela dell’ambiente e della Brughiera, e Regione Lombardia che conferma di essere al lavoro per proseguire l’iter avviato a giugno che farà della Brughiera un SIC. Dall’altra ci sono le sparate del ministro Salvini, buone per i titoloni e per i post sui social, ma che non trovano riscontro nemmeno nel lavoro della sua stessa maggioranza».

Il sostegno dei Comuni nella zona di Malpensa

Negli ultimi mesi a sostegno della proposta si sono anche espressi diversi Comuni del Varesotto e del Milanese a ridosso dell’aeroporto o nella “seconda fascia”, tra cui Angera, Taino, Vergiate, Castano Primo, Turbigo, Nosate, Cuggiono, mentre Somma Lombardo ha votato un testo leggermente diverso.

A Casorate Sempione e Samarate invece la proposta è stata respinta.
A breve il testo andrà in votazione a Vanzaghello.

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Pubblicato il 06 Dicembre 2023
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.