Caronnese, una società modello a un passo dai professionisti

La società di Caronno Pertusella è da anni ai vertici della Serie D grazie alla presidenza di “mister DiSaronno” Augusto Reina

caronnese

Caronno Pertusella da dieci anni è sulla cartina del calcio italiano grazie alla Caronnese. Dalla stagione 2009-2010 la squadra presieduta da Augusto Reina, amministratore delegato di Illva Saronno (quella che produce il DiSaronno), gioca in Serie D – oggi quarto campionato nazionale –, sempre con ottimi risultati e raggiungendo a più riprese i playoff. Da qualche anno al marchio saronnese dei liquori si è affiancato Unet Energia, con il presidente Giuseppe Pirola, caronnese doc, che è entrato a far parte del consiglio di amministrazione.

Anche quest’anno la squadra guidata dall’allenatore Aldo Monza è arrivata terza in classifica – dietro a Gozzano e Como – perdendo però la prima gara dei playoff contro il Chieri.

Giuseppe Pirola e Augusto Reina

Il momento più alto è stato raggiunto nel 2016 quando la squadra all’epoca guidata da mister Marco Zaffaroni ha vinto la finale playoff contro la Lavagnese. Un risultato che portò al ripescaggio tra i professionisti, ma la società decise di declinare l’offerta rimanendo in Serie D.

Una base ben strutturata, continui lavori di ammodernamento alle strutture e piedi ben saldi per terra. La Caronnese nel 2016 fece ben intendere che non si può fare il passo più lungo della gamba. Nei prossimi anni l’impianto “Comunale” di via delle Vittorie si trasformerà da campo sportivo a stadio anche grazie al supporto del Comune.

Solo una volta completati i lavori per rendere la struttura a norma per la Serie C, la Caronnese proverà a fare il grande salto tra i professionisti. Non solo: le strutture sono curate anche per quanto riguarda gli impianti periferici dedicati al Settore Giovanile e alla Scuola Calcio.

Grande protagonista di questi anni rossoblu e vera bandiera della squadra è Federico Corno, attaccante mancino e fantasioso che ha sposato la causa Caronnese, vestendone la maglia dalla stagione 2008-2009, ovvero dalla prima storica promozione dall’Eccellenza alla Serie D. Da allora ha giocato più di 300 partite e messo a segno quasi 150 gol. Un bel talento per la categoria, che poteva ambire ai professionisti ma che ha sempre rifiutato la corte delle società di Serie C per amore di questa piazza.

Federico Corno, capitano della Caronnese

La società rossoblu guarda al futuro con molta attenzione, cullando nel presente le prossime generazioni di calciatori. La Juniores Nazionale, dopo diversi anni altalenanti, quest’anno ha disputato i playoff di categoria. Le due squadre di Allievi Regionali e le due di Giovanissimi hanno presentato sul campo giovani talenti che sono costantemente visionati da osservatori di importanti squadre professionistiche: da segnalare gli Allievi Regionali A vincitori di un difficilissimo campionato e arrivati in finale del titolo assoluto regionale e i Giovanissimi 2003 anch’essi freschi vincitori del proprio campionato.

Quanto all’attività di base in prima linea le due squadre di Esordienti, le due rose di Pulcini e ancora i Primi Calci e i Piccoli Amici che hanno portato avanti un progetto di Scuola calcio solido e concreto con il supporto di allenatori preparati e professionali. La volontà di perseguire un progetto di “linfa verde” da parte della Caronnese è stato premiato con la partecipazione di un giovane ragazzo della Prima Squadra (Antonio Ferrara) alla Rappresentativa di Serie D; inoltre anche due juniores, Perotti e Barbera, sono stati inseriti nella Rappresentativa Juniores.

A dimostrazione di essere un ambiente in piena espansione, la Caronnese sta cercando calciatori nati tra il 2002 e il 2013 che possano iniziare un brillante percorso di crescita: la direzione sportiva del Settore Giovanile ha definito un programma di sviluppo pluriennale in cui saranno messi a disposizione dei piccoli atleti i migliori allenatori. Per i portieri sono previsti preparatori specifici per tutte le categorie . L’attività sportiva sarà svolta all’interno di nuove strutture logistiche in via di sviluppo e sarà supportata dai servizi generali che già oggi fanno della Caronnese una tra le Società a più alta caratura all’interno del panorama del calcio giovanile italiano: dalla Segreteria Generale alla Direzione Sanitaria passando per i servizi generali con i mezzi di trasporto della Società a disposizione per il trasferimento dei ragazzi verso le strutture societarie.

I tifosi della Caronnese

La Caronnese è a disposizione per organizzare degli appuntamenti di approfondimento personali per presentare la nostra Società e la nostra Scuola di Calcio: la Direzione Sportiva e il suo staff di specialisti e osservatori saranno lieti di presentare il nostro programma di sviluppo sperando che voi ne facciate parte. Per i primi giorni di luglio saranno organizzati degli open day sul campo per conoscere i ragazzi.

Per informazioni e appuntamenti:
Segreteria del Settore Giovanile – tel. 02 9659623 – settoregiovanile@caronnese.it –
Direttore Sportivo del Settore Giovanile Agonistico: Alberto Croci (tel. 3393049516) –
Responsabile Tecnico Settore di Base: Vincenzo Nicoletti (tel. 3402406170-3921994263).

La società rossoblù sta inoltre cercando nuove figure per rinforzare l’organizzazione Marketing:

«Se volete diventare un responsabile di biglietteria, uno steward ufficiale in tribuna, un venditore di spazi pubblicitari, un web designer, un editor dei nostri social networks, un giornalista del nostro giornale o del nostro sito web, se volete associarvi all’attività dei nostri ultras o semplicemente volete partecipare con il vostro supporto alla nostra causa ed entrare nel nostro gruppo con tanta passione e volontà ci penseremo noi, conoscendoci, a trovare il giusto ruolo per te all’interno della Caronnese. Entrate nel mondo rossoblù: inviando una email e una vostra presentazione a info@caronnese.it».

di
Pubblicato il 18 maggio 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore