A Calcinate il campionato italiano per alianti 20 metri

Da domenica 12 a domenica 19 aprile gli specialisti si sfideranno con questi velivoli con la regia dell’Aero club Adele Orsi

Tutto pronto all’Aero club Adele Orsi di Calcinate del Pesce (Varese) per il primo campionato nazionale alianti biposto 20 metri. L’iniziativa vede coinvolta la società eolica Maestrale Green Energy in qualità di sponsor principale. Le gare inizieranno nella mattinata di domenica 12 aprile e si concluderanno dopo sette intensi giorni di volo, il 19 aprile. L’equipaggio vincente potrà fregiarsi del titolo di campione italiano di specialità.

«Una sensazione indescrivibile potersi librare nell’aria sfruttando le correnti ascensionali e le raffiche di vento – dichiara Carlo Durante, economista con licenza di volo e amministratore delegato di Maestrale Green Energy-. Sono ormai 15 anni che volo in aliante; ogni volo è diverso dagli altri e fa scoprire scenari e panorami unici, mozzafiato. Un’esperienza che consiglio a tutti, almeno una volta nella vita. Una passione capace di farti dimenticare il grigiore e gli spazi angusti delle città, perché lassù gli unici confini esistenti sono quelli del cielo. Per me è la possibilità di coniugare una passione, quella per il volo, con una missione, quella per l’energia rinnovabile».

La gara e il regolamento
Le competizioni saranno disputate da 7 equipaggi, formati da due piloti ciascuno. A seconda del tempo impiegato a compiere il tracciato di gara di ciascun giorno, verrà assegnato un punteggio. La somma dei punteggi giornalieri decreterà la coppia vincente del campionato.
L’intera competizione prevede un minimo di 3 prove valide in una settimana, e un massimo di 7. Una gara è ritenuta valida quando almeno la metà dei concorrenti di una giornata terminano la gara stessa.
Il titolo di campione italiano di specialità viene quindi assegnato se almeno 4 concorrenti realizzano un punteggio valido in almeno 3 prove.
Il tracciato da percorrere, deciso dal direttore di gara, potrà stendersi da un minimo di 300 km a un massimo di 500/600 km, dipanandosi sui cieli sopra Varese fino a lambire le Alpi.

La giornata tipo e la preparazione dell’aliante
La preparazione dell’aliante comincia alla mattina presto. Già alle 8, gli equipaggi sono in tenuta di volo e si apprestano a preparare il velivolo. Un controllo tecnico agli alettoni, ai timoni di quota e di direzione e la pulizia ai cupolini permettono di avere il velivolo pronto al decollo. Terminata questa fase i piloti cominciano a imbarcare acqua all’interno delle ali (circa 75 litri distribuiti in ogni appendice). Questa accortezza, perfettamente lecita, consente di aumentare il peso del velivolo e di conseguenza il carico alare. L’aumento di peso fa sì che l’aliante incrementi la sua efficienza in volo.
I velivoli usati in gara, biposto e 20 metri di lunghezza, sono molto agili e relativamente piccoli se paragonati ai classe libera da 25/27 metri.
Terminata la preparazione dell’aliante e il loro allineamento sulla linea di volo, i piloti rientrano nella sala briefing. In silenzio, ascolteranno le indicazioni del direttore di gara e dell’esperto meteo. Pochi, intensi minuti e il direttore di gara darà poi il resoconto dell’aliante “civetta”, un velivolo già in quota, che via radio comunica le condizioni atmosferiche, visibilità, meteo e temperatura.

La caccia alla “termica”
Una volta in quota, dopo aver sganciato la fune di traino dell’aeroplano, il pilota comincia a cercare la migliore corrente termica. In questa ricerca, l’uomo è guidato dalla presenza di nubi o dalle variazioni di temperatura dell’aria. Una volta intercettata la termica ideale, il pilota si sofferma “spiralando” l’aliante e salendo di quota. Dopo aver raggiunto la massima altezza possibile, plana velocemente verso un’altra corrente ascensionale. Ovviamente i voli “veleggiati” sono normalmente circoscritti alle ore diurne, a causa delle condizioni meteo e dalla necessità di una buona visibilità.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 09 aprile 2009
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore