All’Insubria un omaggio alla canzone napoletana

L'appuntamento è con la stagione concertistica dell’Università. Il concerto è in programma venerdì 21 gennaio, alle 18 all’Aula Magna di Via Ravasi

La stagione concertistica dell’Università dell’Insubria continua con un appuntamento senza dubbio originale: venerdì 21 gennaio, alle 18, all’Aula Magna di Via Ravasi arriva infatti la musica napoletana. Il concerto, dal titolo “Dint’ all”uocchie e dint’ ‘o core”, vedrà la presentazione di brani della tradizione con Gianni Fusco voce e chitarra, Walter Muto chitarra e voce, Beatrice Marizzoni violino, Benedetta Castelli violino, Paolo Grava violoncello, Franco Svanoni percussioni. 

Da “Malafemmena” a “Tu vuò fa l’americano”, da “Napule è” a “Torna a Surriento”, da “Reginella” a “‘O surdato ‘nnammurato”: sarà un vero e proprio omaggio alla canzone del capoluogo campano. Lo spettacolo – ideato da Gianni Fusco – propone le più celebri canzoni napoletane del repertorio classico e non accompagnate da alcune brevi letture, immagini e didascalie dei testi.

L’ingresso alla serata è libero.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Gennaio 2011
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.