Pedemontana avanza per costruire i due nuovi ponti

Procedono i lavori a ridosso della SS341 verso Castronno e sulla via Battisti per oltrepassare la ferrovia

ponte gazzada pedemontanaLavori a pieno ritmo ai margini della Statale 341 subito dopo la rotonda del cimitero di Gazzada Schianno verso Castronno e sulla via Battisti. Pedemontana avanza e si stanno preparando i terrapieni per deviare la Sp 57 proprio su quel tratto di strada.
Si tratta di realizzare due nuovi ponti che permettano di scavalcare la statale e la ferrovia in modo da abbattere quelli esistenti per poi ricostruirli a quattro corsie.
Non ci sono date certe sulla fine di questo tratto dell’opera, ma saranno necessari alcuni mesi.
Sono tanti gli uomini e i mezzi che lavorano per realizzare i due nuovi tratti della grande arteria che collega il lago con il Ponte di Vedano. Una strada che non può esser chiusa e questo spiega le ragioni dei lavori provvisori con la costruzione di ben due ponti. 

Galleria fotografica

Pedemontana: i lavori a Gazzada Schianno 4 di 20

TUTTI GLI ARTICOLI SU PEDEMONTANA

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 07 Novembre 2012
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Pedemontana: i lavori a Gazzada Schianno 4 di 20

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.