Condannato Salzano, giallo su proiettile in tribunale

Il bodyguard era il mandante dell'attentato al maresciallo di Porto Ceresio. La cartuccia è stata trovata dai carabinieri ma non è chiaro se si tratti di un messaggio in codice

Dieci anni di carcere per tentato omicidio. Gianluca Salzano, un noto bodyguard di Varese, è stato condannato dal tribunale di Varese a una dura pena detentiva, riconosciuto colpevole di essere il mandante che inviò due sicari a sparare contro la casa del maresciallo dei carabinieri di Porto Ceresio. Una intimidazione che poteva sfociare in un delitto, decisa perché il maresciallo era deciso a far rispettare la legge nel suo territorio (voleva tra l’altro vendicare 3 multe).

La condanna
è stata pronunciata questo pomeriggio dai giudici, ma nello stesso momento i carabinieri ancora una volta, hanno dovuto presidiare il tribunale perché in un portaombrelli nei pressi della porta di ingresso è stato rinvenuto un proiettile di un fucile da caccia. I due episodi sono collegati? Se lo fossero, non si potrebbe che pensare a un avvertimento, ma non è semplice stabilire se davvero qualcuno lo abbiamo messo in corrispondenza con la sentenza di oggi.
L’avvocato Corrado Viazzo per tutto il processo aveva cercato di escludere una relazione tra l’attentato e il ruolo di Salzano, ma secondo i giudici è vero, come ha sostenuto il pm Tiziano Masini, che Salzano ordinò l’attentato e fornì anche l’arma ai due esecutori materiali, già condannato, Gianluca Dattilo e Alan Capuano, due malavitosi che in pochi anni hanno dato del filo da torcere alle forze dell’ordine.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 17 Gennaio 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.