I tesori del Vaticano brillano con i laser varesini

La Quanta System ha donato 5 laser alla Città del Vaticano: 2 serviranno per i restauri mentre 3 andranno negli ospedali del Sud America.

vaticano

E’  un regalo preziosissimo quello che la Quanta System ha consegnato alla Città del Vaticano: 5 laser ad altissima tecnologia. Il 19 giugno scorso, infatti, il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano ha ricevuto in dono dalla società che ha sede a Solbiate Olona cinque sistemi laser di ultima generazione. Due dei cinque dispositivi verranno messi a disposizione dei Musei Vaticani per il restauro delle opere d’arte, mentre gli  altri tre saranno destinati a delle strutture ospedaliere del Sud America.

Le nuove dotazioni laser destinate ai laboratori di restauro dei Musei Vaticani saranno impiegate nei più svariati lavori di restauro, dai manufatti di natura pittorica e policromatica fino alle sculture mentre i laser che prenderanno il volo verso l’America Latina sono in grado di realizzare difficili interventi di chirurgia, garantendo elevatissimi standard di sicurezza e tempi minimi di degenza. Il dispositivo può essere utilizzato, grazie alla sua altissima efficacia, per interventi di cura delle malattie renali riguardanti bambini e adolescenti.

«Pochi sanno che il dipartimento delle Ricerche Scientifiche dei Musei Vaticani – commenta Antonio Paolucci, Direttore dei Musei Vaticani – è all’avanguardia in Italia e in Europa nel restauro di frontiera, nelle applicazioni più sofisticate e sperimentali delle tecnologie finalizzate alla conservazione del patrimonio». Oggi, grazie al generoso dono della Quanta System «il parco-laser dei Musei Vaticani, si arricchisce di due nuovi dispositivi laser di ultima generazione». Con questa iniziativa congiunta, il Governatorato dello Stato della Città del Vaticano e la Quanta System intendono simbolicamente sottolineare come non sia sufficiente acquisire competenze tecnologiche sempre più avanzate senza che le stesse non vengano messe a disposizione di uomini e donne in tutto il mondo.

«Da sempre – commenta Paolo Salvadeo, CEO Quanta System –la nostra missione è stata quella di contribuire a preservare patrimoni immensi per l’umanità.  I nostri laser specifici per operazioni di restauro di opere d’arte e i nostri prodotti per la medicina e la chirurgia, sono animati dallo stesso principio: prenderci cura delle persone, i nostri capolavori». La società, leader mondiale nel settore, non è infatti nuova a questo genere di donazioni: lo scorso marzo, ad esempio, ha regalato un paio di apparecchiature per gli ospedali di Roma mentre una preziosa donazione è stata quella affidata a Dawn Maestas che negli Stati Uniti cancella i tatuaggi delle donne vittime di violenze.

di marco.corso@varesenews.it
Pubblicato il 25 giugno 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore