“Altro che partecipazione, è campagna elettorale”

Forza Italia critica sull'ipotesi di intervento in piazza Risorgimento e su altri temi: "tentativo puerile di riallacciare un rapporto con la città ormai perso"

forza italia gallarate

Da Forza Italia arriva una sonora bocciatura del percorso verso la riqualificazione di piazza Risorgimento, dopo l’assemblea di venerdì. «Per risolvere il problema del degrado di piazza Risorgimento vogliono realizzare un parco giochi in una zona ad alta densità di traffico e per cui poco idonea per far giocare dei bambini» commenta il capogruppo in consiglio comunale Germano Dall’Igna. Che parallelamente punta anche sul confronto centro-periferie: «Viene da sorridere se si pensa che ci sono ancora parchi gioco che versano in pessime condizioni, come quello di Moriggia, via Torino, via Marche per i quali ancora oggi nulla è stato fatto».

Forza Italia attacca anche sul tema del degrado e della sicurezza in città: «Poi prima di parlare di riqualificare sarebbe opportuno parlare di sicurezza: cittadini non si sentono sicuri e la gente fa fatica a uscire la sera. Il centro è completamente vuoto e se episodi di microcriminalità continuano a manifestarsi la situazione non potrà che peggiorare».

Ma non è finita qui. Se nei giorni scorsi l’assessora Cinzia Colombo aveva difeso il percorso partecipativo avviato in questi anni per iniziativa dell’amministrazione e non solo (dalle assemblee ai comitati spontanei, alla quota di “bilancio partecipato”), Forza Italia rimane netta nel bocciare le iniziative, come già un paio di settimana fa nel presentare il tour nei rioni: «Dopo quattro anni e mezzo di scarsa attività,  gli assessori Colombo e Barban girano per la città a chiedere ai cittadini quali sono i problemi e a proporre soluzioni. Ma i due sono parte della Giunta che è guida la nostra città e i problemi li conoscono bene». Per Dall’Igna gli ultimi passi fatti sono da «politici vecchio stampo», in vista delle elezioni.  Forza Italia cita anche casi in cui non è stata convocata la cittadinanza: l’esempio richiamato è quello della «area destinata alla Moschea», vale a dire l’ipotesi di una nuova area di culto da inserire nel Pgt (nel frattempo, però, tramontata per effetto della normativa regionale).

Dalle assemblee alle piste ciclabili giudicate «non collegate tra loro» (in riferimento ai recenti cantieri previsti a Ronchi-Crenna-Moriggia), Forza Italia boccia le nuove mosse dell’amministrazione comune come «un tentativo puerile di riallacciare un rapporto con la città ormai perso, campagna elettorale dopo 4 anni di letargìa. Ovviamente non in tutti i rioni, alcuni  scottano, dopo che noi di Forza Italia li abbiamo “invocati”più volte».

Roberto Morandi
roberto.morandi@varesenews.it

Fare giornalismo vuol dire raccontare i fatti, avere il coraggio di interpretarli, a volte anche cercare nel passato le radici di ciò che viviamo. È quello che provo a fare a VareseNews.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 01 Novembre 2015
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.