Otto ore di calcetto per ricordare Ermal

Gli amici di Ermal Abdushi, il giovane calciatore morto tragicamente lo scorso dicembre, hanno organizzato un torneo in programma lunedì 25 aprile

Omicidio Ermal Abdushi

Otto ore di calcetto per ricordare un amico che ha lasciato un grande vuoto.

L’iniziativa è degli amici di Ermal Abdushi il giovane 26enne di origine albanese da molti anni residente a Vedano Olona, scomparso tragicamente lo  scorso 30 dicembre, ucciso da un colpo di pistola al volto.

Ermal era un giocatore e un grande appassionato di calcio, e per questo i suoi amici hanno voluto intitolargli un torneo un po’ speciale: una non stop di calcetto che  si svolgerà il prossimo 25 aprile, dalle 10 alle 18, nel campetto in sintetico a cinque del Centro sportivo di via Nino Bixio, a Vedano Olona.

Il torneo è aperto a tutti gli amici che in questi anni hanno conosciuto Ermal e hanno giocato con lui. Per l’occasione ci sarà uno stand gastronomico e il bar del Centro sportivo resterà aperto per tutta la giornata.

Per informazioni e iscrizioni chiamare il numero 331 9004403.

Mariangela Gerletti
mariangela.gerletti@varesenews.it

Giorno dopo giorno con VareseNews ho il privilegio di raccontare insieme ai miei colleghi un territorio che offre bellezza, ingegno e umanità. Insieme a te lo faremo sempre meglio.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 23 Febbraio 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.