A Varese lo sport fa volare il turismo

Valorizzare le eccellenze, sviluppare il prodotto e promuovere il territorio. Dalla Camera di Commercio un’iniziativa per favorire iniziative in grado di garantire ricadute turistiche

A Varese lo sport fa volare il turismo

Utilizzare lo sport come strumento di promozione per valorizzare un territorio: è la sfida lanciata dalla “Varese Sport Commission”, voluta dalla Camera di Commercio e realizzata dalla sua azienda speciale Promovarese.

Galleria fotografica

A Varese lo sport fa volare il turismo 4 di 5

Varese e il suo territorio: quale migliore scelta per una vacanza all’insegna del turismo sportivo? O per organizzare eventi sportivi in un ambiente ideale e così vicino ai principali nodi aeroportuali e ferroviari del Nord Italia? Quali sono i principali obiettivi di quest’iniziativa?

«Varese Sport Commission può davvero essere un punto di riferimento non solo per promuovere il nostro territorio e attrarre i più importanti eventi sportivi di carattere agonistico – spiega il Presidente dell’Ente camerale Renato Scapolan –, ma anche per candidarsi a ospitare quelle manifestazioni amatoriali delle più svariate discipline sportive che coinvolgono atleti e praticanti con i loro accompagnatori e familiari». Basti pensare che praticamente non esiste associazione, ordine professionale, media e grande azienda, confederazione, università che non abbia al suo interno espressioni organizzate di sportivi praticanti di tutte le età che si allenano, si confrontano, si sfidano… e che spesso si ritrovano nelle più belle località d’Italia e del mondo in gare e tornei “amatoriali”, frequentemente accompagnati da parenti e amici.

«Vogliamo intercettare quella variegata domanda di turismo sportivo in continua crescita, caratterizzata da una buona capacità di spesa – aggiunge Scapolan –, che può contribuire a far prolungare la permanenza media nelle nostre strutture, generando interessanti ricadute per tutta la filiera dell’ospitalità. Occorre intercettare  questa domanda attraverso modalità più tradizionali come la presenza alle fiere di settore ma anche grazie all’uso sempre più convinto delle più moderne tecniche di comunicazione, quali sono oggi i social media. Si tratta insomma di aggregare l’offerta di tutti i servizi legati all’ospitalità e alla pratica sportiva, sviluppando specifiche proposte di prodotti turistici. Questo senza dimenticare le attrattive culturali e artistiche che valorizzano e completano un catalogo di tutto interesse per un turismo attivo e di qualità». Un patrimonio artistico-culturale che fa del territorio varesino – con il Lago Maggiore punto di riferimento internazionale – un vero e proprio “parco naturale” di grande rilievo.

«Le località che oltre a essere “belle” – continua il Presidente della Camera di Commercio di Varese – si sanno ben proporre per soddisfare le molteplici e sempre più nuove “esigenze” dei “turisti sportivi” ne hanno un vantaggio in termini non solo quantitativi, di arrivi e presenze, ma anche di capacità di spesa intercettata, di fidelizzazione e, più in generale, di “reputation”».

A chi si rivolge quindi la “Varese Sport Commission”?

Ai turisti “attivi” certo, ma anche alle tante federazioni sportive e associazioni che organizzano tornei e competizioni e che cercano location nuove per campionati o tornei ed eventi agonistici di livello nazionale o internazionale. Esperienze che diventano spesso a loro volta motivo di “ritorno” per successivi momenti di vacanza e sport: un vero e proprio circolo virtuoso, molto interessante per gli operatori del settore e, più in generale, del sistema dell’accoglienza.La Varese Sport Commission dovrà fare dell’attrattività di questo tipo di turismo la propria mission, promuovendo le bellezze ambientali del territorio, gli impianti più adatti, specifici servizi e prodotti integrati, valorizzando e integrando al meglio capacità organizzative di accoglienza e quelle tradizioni sportive già mostrate da Varese in eventi di assoluto rilievo. E questo proponendo candidature, attirando stampa specializzata, coinvolgendo attraverso i social media influencer e testimonial, andando a fiere specializzate. Tra i suoi obiettivi, anche quelli di mettere a rete gli operatori del settore, coordinare i calendari e supportare gli organizzatori dei vari eventi.

«Visto l’amore dei varesini per il proprio territorio e la passione che tanti hanno nel praticare gli sport più vari, la Varese Sport Commission può diventare davvero un “bene comune” – sottolinea il Segretario Generale della Camera di Commercio Mauro Temperelli –. Un soggetto nel quale molti potranno riconoscersi ed essere parte attiva, dando il proprio contributo di relazioni, competenze, conoscenze aiutando ad attrarre eventi e flussi turistico-sportivi. Con l’obiettivo che tutto questo possa generare ricadute economiche e occupazionali e, più in generale, migliorare la qualità della vita sul nostro territorio».

«La Varese Sport Commission? Penso che sia un’ottima idea. Conosco bene come nell’esperienza statunitense queste realtà contribuiscano a valorizzare un territorio promuovendolo attraverso lo sport – Antonio Bulgheroni (imprenditore e uomo di sport) -. Varese ha le caratteristiche perfette per ripetere questo modello di successo: una tradizione di grandi risultati e capacità organizzative, un patrimonio ambientale e architettonico di pregio, luoghi ideali per praticare le più variate discipline sportive. E adesso ha anche una struttura in grado di mettere in rete e valorizzare al meglio tutti questo atout».

«Arrivare a Varese e vedere sullo sfondo il Monte Rosa: che spettacolo! Sono veramente contenta di poter dare il mio contributo a un’iniziativa quale la Varese Sport Commission in grado di valorizzare al massimo un patrimonio ambientale bellissimo – Filippa Lagerback (conduttrice televisiva e modella – ambasciatrice del progetto Varese Sport Commission) -. Una terra ideale per il turismo green e verde: che c’è di meglio di mettersi in bicicletta – una delle mie grandi passioni – e pedalare nel verde delle vallate prealpine o lungo percorsi a fianco dei tanti laghi che rendono speciale Varese?. Vedere un paesaggio dalla sella della bici ti regala emozioni straordinarie: sei immerso nella natura con i suoi profumi, puoi incontrare le persone e cogliere il loro sguardo. Varese è unica: conoscerla facendo sport all’aria aperta vuol dire vivere un’esperienza magnifica!».

La Varese Sport Commission nasce già social: la sua attività può essere seguita su Twitter, sulla pagina Facebook e su Instragram 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 08 marzo 2016
Leggi i commenti

Galleria fotografica

A Varese lo sport fa volare il turismo 4 di 5

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore