Torna il Settembre Angerese e Ravo porta “il suo Caravaggio”

Un mese di eventi nella cittadina sul Verbano. Tra gli ospiti anche l'artista varesino che realizzerà una sua opera sulla parete di un edificio del centro

vino dei ronchi varesini

Dal Caravaggio dell’artista Ravo alla Festa dell’Uva. Torna il Settembre Angerese con un mese ricco di eventi e iniziative. Il Comune di Angera ravviva questa antica tradizione e recupera così la memoria del proprio passato, quando nel 1497 Ludovico il Moro concesse ad Angera il titolo di città e le diede facoltà di tenere due fiere annuali e diritto di mercato. La Fiera Settembrina rinsaldava il senso di comunità ed era dedicata al settore agricolo e alla vendemmia, così è ancor oggi dopo oltre 500 anni.

Il primo fine settimana inizierà con la storica festa rionale in Bruschera (dal 2 al 4 settembre) ma sono tanti gli appuntamenti da annotare sull’agenda e si consiglia di consultare il programma completo.

Per l’ultimo fine settimana è previsto un programma intenso. Sabato 24 Convegno sul Castagno e il Vino Muffato organizzato dal Museo Archeologico in collaborazione con Slow Food e con il Consorzio Castanicultori, grazie alla partecipazione di innumerevoli relatori italiani e svizzeri. Alle 19.00 il Sindaco Alessandro Paladini Molgora presenterà l’ultima opera murale dell’ormai noto Street artist varesino Andrea Ravo Mattoni, realizzata sulla facciata di un edificio del centro storico. Uno spettacolare Caravaggio, invito a godere della bellezza dell’arte e del paesaggio agroalimentare lombardo. Per l’occasione i ristoranti locali proporranno menù a base di castagno e muffato.

Domenica 25 Settembre gran finale con visite guidate verso le vigne, un aperitivo beneaugurale presso il nuovo Ufficio Turistico e la tanto attesa sfilata dei carri vendemmiali e allegorici.

“Non mancheranno itinerari culturali al Museo Diffuso, degustazioni, laboratori per bambini e attività di tutela del patrimonio. Operatori, associazioni e commercianti hanno fatto uno sforzo immane per soddisfare le esigenze più diverse e non possiamo che ringraziare ciascuno di loro”. Così dichiara l’Assessore alla Cultura e al Turismo Valeria Baietti, che suggerisce anche di tenere d’occhio il programma degli eventi sul portale www.angera.it.

“Questo è ormai il terzo anno da che abbiamo ridato vita a questa antica tradizione angerese – dichiara il Sindaco Molgora – la partecipazione dei cittadini è entusiasta e ci attendiamo un numero sempre crescente di visitatori. Sono fiero di ogni singola iniziativa e grato ai cittadini per il grande entusiasmo con cui stanno realizzando un programma particolarmente stimolante. Orgoglioso anche della decisione condivisa di devolvere buona parte del ricavato ai connazionali colpiti dal terremoto”.

“La collaborazione con Slow Food Provincia di Varese continua a darci grandi soddisfazioni – dichiara Cristina Miedico, direttrice del Museo Archeologico e del Museo Diffuso. Dopo il progetto del Pane di Angera, grazie al sostegno di Regione Lombardia e seguendo un invito dell’Assessore alla cultura Cristina Cappellini, siamo riusciti a proporre la seconda edizione del Convegno di studi Archeo&SlowFood. Studiosi di Università, soprintendenze e centri di ricerca italiani e svizzeri, castanicoltori e viticoltori ci parleranno della storia del Castagno e del Vino Muffato in Insubria dall’antichità a oggi. Con la Cultura e con la Storia in Italia cresce il turismo di qualità, abbiamo un patrimonio eccezionale e infinite potenzialità, è solo necessario valorizzare e sostenere le istituzioni che sono in grado di promuoverlo”. Siamo nel pieno dell’anno del turismo e anche in Lombardia la tutela della identità locale e la cura per il nostro benessere partono dal rispetto e dalla conoscenza del nostro ambiente e della nostra storia.

Tutti gli appuntamenti del Settembre Angerese 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 02 settembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore