Una intera squadra per supportare il consigliere Laforgia

E' quella che ha deciso di schierare Progetto Concittadino, sfruttando la norma che prevede la possibilità di delega nella partecipazione alle commissioni

Generiche

Dieci, più il titolare. E’ una vera e propria squadra di calcio, quella che Progetto Concittadino schiera a supporto del loro rappresentante nelle commissioni consiliari Enzo Laforgia.

Laforgia in quanto unico consigliere comunale per la lista, sarebbe tenuto a seguire tutte e undici le commissioni consiliari, con grandi difficoltà di tempo e di competenze. Ma l’idea della lista è invece quella di  sfruttare appieno l’occasione offerta dallo strumento, previsto dal regolamento comunale, della delega nelle commissioni consiliari, per alleggerire il suo lavoro e al tempo stesso promuovere la partecipazione dei cittadini che hanno dato la loro disponibilità alla lista civica

I delegati avranno una precisa responsabilità, in base alle loro competenze, e potranno seguire le commissioni, da soli o affiancando il consigliere Laforgia. Potranno seguire i lavori e intervenire nella realizzazione. L’unico limite che avranno è quello di voto, che spetta unicamente al consigliere comunale eletto.

Laforgia,  che è presidente della commissione Cultura e Turismo, ovviamente non ha delegato nessuno in quella commissione, che seguirà personalmente insieme alla commissione, strategica, dell’Urbanistica. Ma nelle altre sono dieci i nomi  – molti dei quali sono di candidati nella lista Progetto Concittadino che si è presentata alle amministrative, ma non solo – che supporteranno il consigliere con uno strumento fino ad ora poco esplorato.

«La nuova fase di Progetto Concittadino riparte dall’idea originaria che ha dato vita alla lista – spiega Natalino Bianchi, portavoce della lista nata dall’esperienza alle primarie del centro sinistra di Dino De Simone, ora assessore all’Ambiente della giunta Galimberti – aggregando persone portatrici di competenze ed esperienze diverse, ma accomunate dal desiderio di rendere Varese più aperta, sostenibile, bella. Il compito dei delegati infatti sarà anche quello di coordinare gruppi di lavoro che esaminino le questioni all’ordine del giorno nelle commissioni e soprattutto che ragionino su proposte e iniziative da avanzare dentro e fuori le istituzioni. Un modo per allargare la partecipazione, coinvolgere ancora più “concittadini” nell’avventura dei prossimi cinque anni alla guida della città».

I dieci prescelti diventeranno così dei “trait d’union” del Progetto tra le attività consiliari e la partecipazione attiva dei cittadini: a loro volta infatti potranno fare da capofila di gruppi di lavoro specifici, a cui possono decidere di fare parte i cittadini interessati. I gruppi sono infatti totalmente aperti e partecipativi, e chi vuole può semplicemente manifestare la propria disponibilità inviando una mail a progettoconcittadino@gmail.com, o potrà aderirvi anche nella prima riunione aperta di Progetto Concittadino, prevista per martedì 11 alle 21 alle Cantine Coopuf: momento in cui si possono chiedere informazioni “dal vivo” o comunicare la propria disponibilità.

«L’idea parte dal fatto che abbiamo avuto una bella esperienza durante la campagna elettorale, esperienza che spesso si perde nel grigiore della quotidianità, una volta concluso il momento elettorale – spiega Enzo Laforgia – Una cosa che volevamo assolutamente evitare, per non disperdere entusiasmo e competenze. Così abbiamo deciso di qualificare la partecipazione della nostra lista ai lavori del consiglio nel senso della qualità e dell’approfondimento. Scegliere di delegare persone competenti ad ognuna delle commissioni significa ammettere che nessuno può essere un tuttologo,  ma che comunque ci sono tra noi competenze,  anche altamente qualificate, da spendere. Tra l’altro in maniera del tutto gratuita: il delegato infatti non prende il cosiddetto “gettone di presenza” delle commissioni, come non lo prende nemmeno il consigliere comunale che delega, se non vi partecipa. Il che significa che in questo modo mettiamo a disposizione un gruppo di cervelli che non costa niente alla città».

Una iniziativa innovativa, che avrà il suo primo momento di sintesi allo scadere dell’anno di attività della lista: «A giugno 2017 – annuncia infatti Laforgia – con un evento che immaginiamo come una festa della partecipazione, ciascun gruppo farà pubblicamente la sintesi del primo anno di attività e presenterà almeno una proposta concreta da attuare nell’ambito del governo cittadino. Saremo da stimolo sia per l’amministrazione comunale che per i cittadini».

I NOMI DEI DIECI DELEGATI ALLE COMMMISSIONI

Andrea Minidio (Insegnante, rugbista, cantastorie): affari generali, personale, rapporti con i quartieri e Università
Marco Fazio (Cooperatore, a trent’anni è già volto storico del movimento ambientalista varesino): bilancio
Natalino Bianchi (Ingegnere, pendolare. Portavoce di Progetto Concittadino): lavori pubblici
Marina Protasoni (Medico, ricercatrice universitaria, membro del senato accademico dell’Università dell’Insubria.): servizi educativi
Lorenzo Fronte (Sociologo, esperto di servizi sociali, sanitari ed educativi): servizi sociali
Paolo Bossi (Avvocato esperto in materia penale): sicurezza e polizia locale
Francesca Coffano (Studentessa di architettura, volontaria in diverse associazioni. Responsabile organizzativa di Progetto Concittadino): tutela ambientale, benessere e sport
Barbara Cirivello (Avvocato, rappresentante camerale delle Associazioni dei Consumatori): attività produttive
Mauro Sarzi Amadè (Manager di una multinazionale): area vasta e rapporti con la Provincia.

 

 

Stefania Radman
stefania.radman@varesenews.it

Il web è meraviglioso finchè menti appassionate lo aggiornano di contenuti interessanti, piacevoli, utili. Io, con i miei colleghi di VareseNews, ci provo ogni giorno. Ci sosterrai? 

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 08 Ottobre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.