Don Barban: “Grazie volontari, il vostro tempo è prezioso”

Lettera di don Michele Barban in occasione della giornata mondiale del volontariato che si celebra lunedì 5 dicembre

Amichevole Varese vs Gulliver

“Sparirà con me ciò che trattengo, ma ciò che avrò donato resterà nelle mani di tutti”.

Inizia con la citazione di questo verso del poeta Rabindranath Tagore, la lettera che Don Michele Barban ha scritto per ringraziare tutti i volontari che in questo lungo anno hanno accompagnato la il Centro Gulliver nei festeggiamenti e nelle iniziative per il trentesimo di fondazione.

Una lettera rivolta non solo ai “suoi” volontari.

“Stiamo concludendo il lungo trentesimo del Centro Gulliver e non abbiamo ancora detto il giusto grazie ai volontari, ma colgo l’occasione della Giornata mondiale del volontariato per farlo – scrive Don barban – Non sono tanti decenni in Italia che diamo attenzione a questa categoria sociale. Ricordo anni in cui a Lucca l’onorevole Maria Eletta Martini convocava assemblee affollate e festanti. Finalmente è riuscita a realizzare la legge sul Volontariato nel 1991 (quindi siamo nel 25°, ma chi se ne ricorda?)”.

Anche il Gulliver in fondo nasce dal Volontariato. Nasce e continua a realizzare il suo sogno di solidarietà con donne e uomini che, al di là delle loro professionalità, ci mettono testa, cuore e braccia gratuitamente per supportare progetti e servizi nelle diverse attività richieste.
C’è una evoluzione nei modi di partecipare attivamente nel Volontariato.
La disponibilità fondamentale è il tempo che la persona mette a disposizione di una ONLUS (organizzazione non lucrativa di utilità sociale). Il tempo infatti è l’unica vera risorsa di cui una persona dispone, che con gratuità può offrire agli altri. L’importanza di questa presenza è data anche dal supporto che la Fondazione Cariplo ha dato, almeno in Lombardia, per sostenere le diverse associazioni di Volontariato: da noi il Cesvov (Centro di Servizi per il Volontariato della Provincia di Varese) coordina e sostiene le tante attività associate sulla Provincia di Varese”.

Ma ci sono altri modi per sostenere servizi di solidarietà organizzati: “Da tempo esiste anche il Volontariato d’impresa. Un’azienda si mette a disposizione di un’organizzazione non profit. Una modalità di volontariato che coinvolge direttamente i dipendenti di un’impresa, che possono dedicare una parte del proprio orario di lavoro ad attività di utilità sociale presso enti non profit.  Questo, oltre a rafforzare lo spirito di gruppo tra i dipendenti, consente all’azienda di comunicare un’immagine positiva”.

“Quanti volontari! Un esercito di sfruttati, qualcuno potrebbe dire – conclude il fondatore del Centro Gulliver –  Qui oggi vogliamo ringraziarli tutti, quelli riconosciuti e quelli ignorati, augurandoci che ogni persona ritrovi un angolo di volontariato nella sua vita. Se poi daremo un po’ di professionalità avremo il supporto migliore per le attività di prossimità. Una società sana sviluppa attività e formazione per i volontari: il servizio civile, benemerito in queste settimane, è un esempio invidiabile”.

Al Gulliver, ricorda infine Don Barban, “c’è sempre  ampio spazio per i volontari, indimenticabili supporti della nostra crescita!”.

Per raggiungere Amici di Gulliver, l’associazione che coordina il volontariato della comunità l’indirizzo è: amici@gulliver-va.it

 

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 04 dicembre 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore