Legnano in fila per portare il suo saluto a Bruno, vittima del terrorismo

La camera ardente rimarrà aperta fino a giovedì mattina. Alle esequie (24 agosto, ore 14,30, in basilica) parteciperanno anche membri del Governo e il presidente della Regione Maroni

Il carro funebre, seguito da un van con a bordo i parenti, fa capolino sulla bianca piazza San Magno poco dopo le 15 e si infila subito nel cortile interno del palazzo municipale. A bordo del van ci sono il papà di Bruno Gulotta, la moglie Martina che sicuramente è la più provata, il fratello e alcuni parenti venuti dal sud Italia.

Galleria fotografica

La camera ardente di Bruno Gulotta nel municipio di Legnano 4 di 9

La camera ardente del 35enne legnanese, ucciso dalla follia terroristica dell’Isis lo scorso 17 agosto a Barcellona insieme a Luca Russo, Carmen Lopardo ed altre 13 persone sulle Ramblas, è stata aperta dopo le 16,30 e lentamente i legnanesi hanno iniziato a portare il loro saluto al feretro esposto nella sala degli Stemmi. Una grande bandiera tricolore copre la bara posta al centro della stanza mentre una grande corona di fiori inviata dalla Presidenza della Repubblica è presidiata da Carabinieri in alta uniforme.

Fuori la truppa di giornalisti e operatori è rimasta in attesa, invano, delle parole dei familiari mentre è stato il sindaco Gianbattista Fratus a ripetere che i familiari non intendono rilasciare dichiarazioni e a chiedere il rispetto del dolore privato di una famiglia distrutta dal tragico evento. Fratus ha anche ribadito la vicinanza dell’amministrazione alla moglie e ai figli di Gulotta: «Li seguiremo passo dopo passo anche quando i riflettori dei media si spegneranno, non li lasceremo soli» – ha detto il primo cittadino.

I primi a salutare Bruno sono stati, invece, i colleghi di Tom’s Hardware con il country manager Roberto Buonanno in primis che ha anche rilanciato la raccolta fondi per la famiglia del loro collega (qui trovate l’articolo coi riferimenti per donare) e denunciato il tentativo di sciacallaggio che è stato perpetrato ai danni di questa iniziativa.

Tra i primi messaggi di cordoglio giunti dai Comuni limitrofi, quello del sindaco di Rescaldina, Michele Cattaneo, che a nome di tutta la comunità rescaldinese ha voluto dimostrare la vicinanza a Legnano e ai famigliari di Bruno Gulotta condividendo, anche a Rescaldina, il lutto cittadino per la giornata di giovedì 24 agosto.

Il lutto cittadino prevede il divieto di qualsiasi iniziativa ludica, l’esposizione a mezz’asta delle bandiere in tutti gli edifici pubblici e, dalle 14 alle 16,30 del 24 agosto, giorno dei funerali, la chiusura di tutti gli esercizi pubblici e commerciali su tutto il territorio comunale.

Tra le autorità che hanno già dato la propria adesione a partecipare ai funerali, Palazzo Chigi (molto probabile la presenza del ministro alle Politiche agricole Maurizio Martina), il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni e la Città Metropolitana che, oggi, all’apertura della camera ardente era presente con il vicesindaco Anna Scavuzzo e con il consigliere Giorgio Mantoan.

TUTTI GLI ARTICOLI SULL’ATTENTATO DI BARCELLONA

Orlando Mastrillo
orlando.mastrillo@varesenews.it

Un cittadino bene informato vive meglio nella propria comunità. La buona informazione ha un valore. Se pensi che VareseNews faccia una buona informazione, sostienici!

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 22 Agosto 2017
Leggi i commenti

Galleria fotografica

La camera ardente di Bruno Gulotta nel municipio di Legnano 4 di 9

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.