Stazioni, il Governo stanzia i 18 milioni per Varese

Palazzo Chigi ha inviato la convenzione. Galimberti firmerà entro Natale e i lavori partiranno nel 2018

E’ una notizia a suo modo storica: è giunta lunedì 27 novembre in Comune alle 13 e 30 la bozza con lo schema di convenzione per il finanziamento del bando periferie. Tradotto: Gentiloni darà a Varese 18 milioni di euro, per il progetto di sistemazione del quartiere stazioni. 

“Questa mattina in giunta – spiega il sindaco Davide Galimberti – è stata approvata la convenzione per la risistemazione del comparto stazioni, che consente di trasmettere il tutto a Roma, per avviare la stipula e la sottoscrizione entro Natale”. Secondo la giunta comunale il cantiere partirà entro il 2018. E i lavori dureranno tre anni. Il progetto è stato già approvato in consiglio comunale, ma successivamente è stato rivisto e sono state eliminate le passerelle sopraelevate tra le stazioni e via Como, che avevano suscitato qualche perplessità.

Il sindaco Galimberti è entusiasta: “E’ un anno che ci lavoriamo e gli impegni del governo sono stati confermati. Avremo 60 giorni di tempo dalla trasmissione della convenzione alla corte di conti per presentare la progettazione esecutiva”.

(Parla l’assessore Civati)

Il governo ha trovato una copertura e per la città di Varese è una grande occasione, si tratta forse del più grande intervento di sostegno diretto alla città mai effettuato. Noi in questo anno non ci siamo fermati, e abbiamo proseguito nell’iter della progettazione. E’ un grande intervento che la città aspettava da decenni – aggiunge il sindaco -.  Tanti ne hanno parlato, ma ora si sta trasformando in concretezza e in realtà, a dimostrazione che siamo l’amministrazione del fare. Nel 2018 entriamo nella seconda fase, quella dell’attuazione. La convenzione, inoltre, colpisce per i tempi stringenti. Il governo vuole trasmettere una idea di efficienza alle amministrazioni, vengono richiesti tempi certi e veloci, pena la decadenza”.

nuove stazioni varese

(nella foto, alcune immagini dal progetto presentato il 31 maggio scorso)

Il vicesindaco Daniele Zanzi aggiunge: 
“Questi quattrini arrivano per la città di Varese che si trova oggi con un progetto bello e pronto. Vedremo rifiorire una zona che è sempre stata una ferita per la città. E’ davvero un bel regalo di natale”.

L’assessore ai lavori pubblici Andrea Civati osserva:
“Quando ci insediammo, nel 2016, il bando era aperto ma nessun progetto era stato pensato. In un mese ci provammo, grazie allo straordinario lavoro degli uffici e venne realizzato un progetto che ha dato i sui frutti. In questo anno, devo dire, che in molti hanno scommesso contro la città di Varese, pensando che quei soldi non sarebbero mai arrivati, o docendo che quelle erano solo promesse, ma ora sono arrivati fatti concreti. Da trenta anni – continua – sentiamo parlare di questa area stazioni, noi in un anno abbiamo fatto tutto questo, senza superconsulenze e con un progetto concreto e vero che si realizzerà”.

L’assessore ai servizi sociali Roberto Molinari fa notare:
“Quanto era stato deciso dal governo Renzi è stato confermato dal governo successivo. Questo progetto sul bando periferie, inoltre, mi consentirà di effettuare un grosso investimento sociale, la costruzione in piazzale Kennedy del nuovo centro diurno con un edificio moderno e adatto gli utenti. E’ una riappropriazione degli spazi per la nostra città”.

L’assessore alla cultura Cecchi commenta:
“Senza infrastrutture non c’è turismo e questa opera va nella direzione di creare condizioni di sviluppo turistico per la città di Varese. La stazione diventerà un punto di riferimento e non un punto di esclusione”. L’assessore Francesca Strazzi ricorda invece che in via Como sono presenti molte attività per i giovani.

di roberto.rotondo@varesenews.it
Pubblicato il 28 novembre 2017
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da lenny54

    Adesso mi aspetto che, chi in vent’anni di governo, non e’ riuscito a concretizzare un progetto per le stazioni o per la caserma Garibaldi, faccia le critiche …!!

    1. Scritto da Felice

      @lenny54
      purtroppo è quello che succederà….dormono per 20 anni e poi si svegliano solo quando c’è da criticare.
      Idem l’elettorato pronto sempre ad amplificare i disturbi gastro-intestinali più che i ragionamenti razionali.

Segnala Errore