“Gioco a perdere”: all’Isis Stein una tappa del progetto contro le ludopatie

Gli studenti dell'istituto coinvolti nel progetto per far conoscere ai giovani i rischi del gioco d'azzardo

varese palazzo estense

Mercoledì 28 febbraio alcune classi dell’I.S.I.S. “Edith Stein” di Gavirate, sotto il coordinamento della dirigente Francesca Maria Franz e della professoressa Ileana Maccari, docente di psicologia dei servizi socio-sanitari, hanno partecipato al Progetto GAP (Gioco A Perdere), che prevede interventi di prevenzione al gioco d’azzardo per le scuole d’istruzione superiore, condotto dall’attore Andrea Gosetti di Intrecci Teatrali. Alla mattinata era presente anche l’assessore alla cultura ed ai servizi sociali del Comune di Cocquio Trevisago,  Sara Fastame .

Nella prima parte della mattinata una decina di ragazzi del laboratorio teatrale dell’istituto, condotto dalla professoressa Emanuela Legno, ha preparato con l’esperto esterno, Andrea Gosetti, un flash -mob di qualche minuto che è stato successivamente portato nelle classi, coinvolte nel progetto, all’insaputa degli studenti ed in accordo con i docenti.

Le“incursioni” improvvise nelle classi hanno avuto lo scopo di creare un effetto sorpresa, volto a suscitare interrogativi ed interesse nei confronti della delicata tematica, la ludopatia, oggetto del progetto.

Nella seconda parte della mattinata gli studenti hanno partecipato ad un incontro in aula Salvini con gli esperti esterni che hanno spiegato loro i contenuti del progetto, illustrato nei dettagli questa forma di dipendenza e quali possono essere le possibilità di prevenzione e di cura della stessa.

Il progetto ha avuto avvio dai contatti costruiti all’interno del GLP, Gruppo di lavoro per la salute mentale, coordinato dal dott. Isidoro Cioffi,  di cui la dirigente Franz e la professoressa Maccari sono membri permanenti.

Qui il video “Gioco a perdere” realizzato durante la prima fase del progetto:

di
Pubblicato il 02 marzo 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore