Alitalia, una borsa di studio per diventare pilota

L'iniziativa è dedicata al comandante Alberto Arlotta, recentemente scomparso

A330, Alitalia,

In memoria del comandante Alberto Arlotta, scomparso quest’estate mentre si trovava a New York per lavoro, Alitalia ha istituito una borsa di studio per un aspirante giovane pilota, che non dovrà così sostenere le spese del corso.

Per candidarsi alla borsa di studio basterà presentare una certificazione ISEE (indicatore della situazione economica equivalente) non superiore ai 15.000 euro, oltre a possedere i seguenti requisiti: età tra i 18 e i 25 anni, diploma di scuola media superiore e buona conoscenza della lingua inglese.

L’aspirante pilota verrà scelto dopo un processo di selezione articolato in più fasi, che comprende test e interviste tecniche e attitudinali.

La vincitrice o il vincitore della borsa di studio si unirà al corso con gli altri 60 cadet pilot, che la Compagnia sta selezionando sulla base delle oltre 600 candidature pervenute. Anche le domande già presentate potranno ovviamente concorrere alla borsa di studio.

L’intero corso, della durata di 18 mesi, si svolgerà in Italia presso il Centro di Addestramento Alitalia a Fiumicino – una struttura di eccellenza tecnica dotata di 7 simulatori di volo – e presso una scuola per l’addestramento in volo. Chi completerà con successo il corso acquisirà il brevetto Multi Pilot Licence rilasciato dall’Ente Nazionale Aviazione Civile (ENAC).

La Scuola di Volo Alitalia rappresenta un’istituzione per la storia dell’aviazione commerciale in Italia e ha contribuito allo sviluppo della cultura aeronautica del Paese. Dalla sua nascita, ha formato migliaia di piloti italiani le cui qualità sono riconosciute in tutto il mondo.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 14 settembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore