Racconti d’africa con Dino Azzalin e Anna Pozzi

Ultimi due appuntamenti per la rassegna di racconti e testimonianze africane, organizzati dalla biblioteca biblioteca comunale e Agrisol Servizi: giovedì 22 e sabato 24 gli ultimi incontri

Un anno di studio in Sud Africa

Ultimi due appuntamenti per la rassegna di immagini, racconti e testimonianze africane, organizzati dalla biblioteca biblioteca comunale “Antonia Pozzi”, in collaborazione con Agrisol Servizi. Un mese di eventi che hanno visto un’ottima partecipazione e che si chiude questa settimana. Gli ultimi due appuntamenti vedono, giovedì 22 novembre un incontro con la giornalista Anna Pozzi che incontrerà il pubblico con il suo reportage “Donne resistenti”: nonostante sofferenze e violenze, la società civile congolese continua a promuovere iniziative di resistenza attiva. Specialmente a Bukavu, dove ci sono figure di grande coraggio come Mathilde Muindo, per molto tempo direttrice del centro “Olame” di Bukavu, luogo di accoglienza, protezione e sostegno alle donne di quella terra.

Anna Pozzi, giornalista di “Mondo&Missione” e scrittrice, dal 2007 segue un progetto dedicato alla tratta di donne nigeriane per lo sfruttamento sessuale, denominato “Mai più schiave”. Ha pubblicato “Made in Africa. Storie di un continente che rinasce” e, con suor Eugenia Sonetti, “Schiave. Trafficate vendute prostituite usate gettate donne” e “Spezzare le catene. La battaglia per la dignità delle donne”.

Sabato 24 novembre concluderà la serie degli incontri il noto medico, poeta e scrittore varesino Dino Azzalin, con i suoi “Racconti e diari d’africa”. Dino Azzalin è nato a Pontelongo (Padove) nel 1953, vive a Varese. Giornalista pubblicista, collabora con diverse testate giornalistiche e riviste, ed è presente in diverse antologie. E’ fondatore e animatore della NEM (Nuove Edizioni Magenta). Ha pubblicato diversi volumi per le edizioni Crocetti.

La biblioteca comunale “Antonia Pozzi” ospiterà anche tre vere e proprie lezioni di geografia per i ragazzi del locale Liceo scientifico, preparate da alcuni richiedendi asilo e accolti dalla cooperativa Agrisol, e precisamente: il 14 novembre Sarcel Mgbabie parlerà del Camerun, il 16 novembre Abas Oyas e Abraham Osarenmwinda parleranno della Nigeria, il 20 novembre Abdifatah Ahmad Farah parlerà della Somalia.

Sarcel Mgbabie, camerunese, ha svolto un tirocinio presso il ristorante Croce Bianca di Cerro come aiuto cuoco ed ora ha un contratto di lavoro come responsabile delle aperture mattutine del bar; Abraham Osarenmwinda, nigeriano, ha lavorato all’orto solidale di Dumenza e come aiuto cuoco a Cassano Valcuvia; Abdifatah Ahmad Farah, somalo, ha iniziato con un tirocinio al supermercato Tigros ed ora è impegnato nei reparti; Abas Oyas, nigeriano, è operaio presso la Ratti di Cassano ed è attualmente iscritto ad un corso serale dell’ISIS di Varese. Una cena condivisa all’Ostello Casa Rossa di Laveno Mombello chiuderà il 30 novembre tutte le manifestazioni.

Info e prenotazioni Biblioteca di Laveno Mombello 0332 .667403.

Redazione VareseNews
redazione@varesenews.it

Noi della redazione di VareseNews crediamo che una buona informazione contribuisca a migliorare la vita di tutti. Ogni giorno lavoriamo cercando di stimolare curiosità e spirito critico.

Abbonati a VareseNews
Pubblicato il 20 Novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore

Vuoi leggere VareseNews senza pubblicità?
Diventa un nostro sostenitore!



Sostienici!


Oppure disabilita l'Adblock per continuare a leggere le nostre notizie.