Alle suore di via Luini il premio Giovanni Valcavi

Il riconoscimento nel corso della manifestazione che celebra l'anniversario dell'unità d'Italia, che si terrà al salone estense lunedì 17, organizzatto dall'associazione Varese per l'Italia

Premio Giovanni Valcavi

Prosegue il percorso di iniziative per il 160esimo della battaglia di Biumo: il prossimo appuntamento coinciderà con il giorno dell’unità d’Italia.

Lunedì 18 marzo al salone Estense, l’associazione Varese per l’Italia, presieduta da Luigi Barion organizza al salone estense dalle 10.45 un appuntamento “a misura di studenti” e proprio per questo viene organizzato un giorno dopo l’anniversario, che cade il 17 marzo.

Saranno diverse le scuole che parteciperanno alla manifestazione varesina: si tratta di circa 180 ragazzi. dalla media Anna Frank, da cui arriverà coro e orchestra che si esibirà in un originale concerto, dove l’inno di Mameli verrà “tradotto” in italiano moderno e saranno cantati anche dei brani che raccontano la bandiera italiana. Ci saranno inoltre i ragazzi della media di Luino, città risorgimentale, che prima dell’incontro saranno accompagnati da studenti del Liceo Cairoli di Varese in un viaggio nella nostra parte risorgimentale del capoluogo. Ci saranno infine i ragazzi dell’Isis Newton, che hanno affrontato un percorso alla scoperta dell’eroe risorgimentale Emilio Morosini, a partire dal fatto che la loro scuola sorge in quelli che furono i giardini di villa Morosini, oggi villa Recalcati.

IL PREMIO GIOVANNI VALCAVI ALLE SUORE DI VIA LUINI

Il giorno dell’unità di Italia coinciderà inoltre con il giorno del premio dedicato all’avvocato Giovanni Valcavi, varesino illustre e primo presidente dell’associazione: quest’anno è stato assegnato alle Suore della Riparazione Istituto Addolorata di via Luini, e ai volontari che si adoperano con loro per la mensa dei poveri. 

Premio Giovanni Valcavi
a destra: Paola Bassani Valcavi

«Un premio che di solito consiste in un piatto d’argento, ma che quest’anno si porterà dietro anche un importante contributo, per l’importanza del lavoro che fanno i premiati – ha spiegato Paola Bassani Valcavi, moglie di Giovanni Valcavi – Ho apprezzato particolarmente la scelta e la motivazione del comitato per il premio di quest’anno».

di stefania.radman@varesenews.it
Pubblicato il 15 marzo 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore